MV Agusta: la luce dopo la tempesta?

Nella nota della casa varesina si legge come "Il 15 marzo 2017, MV Agusta Motor S.p.A. ha ottenuto il via libera dal Tribunale di Varese al piano industriale presentato"

mv_agusta_f4rc_2017_eicma_2016-3-jpg.jpg
Non sono stati mesi facili per MV Agusta. La casa di Schiranna, dopo la scissione con Mercedes, stava vivendo un periodo di transizione abbastanza complicato, con addirittura il rischio di fallimento come aveva ipotizzato la stessa Fiom in merito alla vicenda. MV Agusta e Castiglioni però, hanno continuato decisi per la propria strada, rimandando al mittente anche le accuse riguardante le accuse dell'utilizzo dei contributi dei dipendenti per finanziare l'azienda.

Oggi, con l'accordo realizzato con il gruppo di investimento Black Ocean, sembrerebbe che le nubi più oscure si stiano dissolvendo. Così per lo meno comunica la stessa azienda con un comunicato:

"A seguito dell'annuncio relativo all'accordo di ricapitalizzazione di MV Agusta, sottoscritto lo scorso 17 novembre, tra MV Agusta Holding, società di partecipazioni controllata da Giovanni Castiglioni ed il gruppo d'investimento Black Ocean, l'azienda motociclistica italiana ha aggiunto un altro importante tassello al turnaround intrapreso." si legge nella nota che così prosegue "Il 15 marzo 2017, MV Agusta Motor S.p.A. ha ottenuto il via libera dal Tribunale di Varese al piano industriale presentato, consolidando così il progetto di ristrutturazione volto al riassetto strategico e finanziario dell'azienda, leader nella produzione mondiale di moto super premium."

Questo punto sembra decisamente importante ed è - de facto - il succo della questione. Perchè viene sottolineato come lo stesso tribunale, quindi l'organo giudiziario, abbia accettato il piano della casa varesina. Ciò significa che - evidentemente - i problemi non sono stati risolti ancora del tutto ma che la strada intrapresa sembra quella giusta. Non potrebbe essere altrimenti in effetti, considerando la crisi che aveva investito la casa italiana. Serve dunque pazienza e procedere passo dopo passo, con calma. Evidentemente però, le garanzie presentate attraverso tale piano sono state ritenute sufficienti e tali da essere accettate. In questo modo la casa ora può "rimettersi in moto".

La questione è stata così commentata da Giovanni Castiglioni: "Negli ultimi 12 mesi, il turnaround implementato ha riportato MV Agusta a generare flussi di cassa positivi necessari per sostenere il piano di ristrutturazione nonché lo sviluppo dei modelli e il consolidamento dei nostri mercati primari. MV Agusta è forte di una gamma prodotto completamente nuova, nata da 5 anni di importanti investimenti che, insieme ad un marchio iconico, costituiscono gli elementi chiave per sostenere la nostra crescita e la domanda dei nostri clienti."

  • shares
  • Mail