SBK Thailandia 2017: Rea precede Sykes nel Day-1, poi Davies e Melandri

Kawasaki ufficiali davanti a tutti nel venerdì di libere della Superbike in Buriram. Bene le Ducati, male Honda e Aprilia con Savadori fuori dalla SP2.

Dopo essersi imposto nelle FP1 del mattino (vedi la seconda parte di questo post), il Campione del Mondo Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha fatto sua anche la seconda sessione di prove libere della Superbike al Chang International Circuit, in Tailandia, sede del secondo round stagionale (clicca qui per orari e copertura TV).

Il fuoriclasse nord irlandese, già vincitore delle due gare inaugurali di Phillip Island, ha scalato poco meno di due decimi dal suo crono del mattino per chiudere le FP2 con un 1:33.573, prestazione che gli ha permesso di precedere il compagno di box Tom Sykes (+0.210) e le due Panigale R del team Aruba.it Ducati SBK, questa volta con Chaz Davies (+0.322) davanti a Marco Melandri (+0.423).

2017-chaz-davies-tailandia.jpg

Quinto tempo a +0.443 per la R1 del britannico Alex Lowes (Pata Yamaha) davanti al sempre consistente Xavi Fores, ottimo sesto di giornata con la Panigale R del team Barni Racing a 6 decimi dal best lap di Rea.

Seguono Jordi Torres (Althea BMW Racing Team, +0.672), Michael van der Mark (Pata Yamaha, +0.718), Markus Reiterberger (Althea BMW Racing Team, +0.873) ed Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia, +0.945), che chiude la Top 10 e quindi la lista dei direttamente 'qualificati' alla SP2.

fores-2017.jpg

Per pochi millesimi dovrà invece iniziare le sue qualifiche dalla SP1 il 'nostro' Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia, +0.981), 11° nel venerdì del Buriram davanti alle Fireblade di Stefan Bradl (Red Bull Honda WSBK, +1.118) e Nicky Hayden (+1.376) e alla F4 di Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse, +1.380).

Più indietro gli altri due piloti italiani impegnati nella categoria: Riccardo Russo (Guandalini Racing Yamaha) è 16° a +1.892 mentre Ayrton Badovini (Grillini Racing Team Kawasaki) ha chiuso 19° a oltre 2"6. Tra loro il sammarinese Alex De Angelis (Pedercini Racing SC-Project Kawasaki), 17° a +2.244.

SBK Thailandia 2017 - Classifica FP2

2017-rea-kawasaki.jpg

1 J. REA | GBR | Kawasaki ZX-10R 1'33.573
2 T. SYKES | GBR | Kawasaki ZX-10R 1'33.783 +0.210
3 C. DAVIES | GBR | i Ducati Panigale R 1'33.895 +0.322
4 M. MELANDRI | ITA | Ducati Panigale R 1'33.996 +0.423
5 A. LOWES | GBR | Yamaha YZF R1 1'34.016 +0.443
6 X. FORÉS | ESP | Ducati Panigale R 1'34.174 +0.601
7 J. TORRES | ESP | BMW S 1000 RR 1'34.245 +0.672
8 M. VAN DER MARK | NED | Yamaha YZF R1 1'34.291 +0.718
9 M. REITERBERGER | GER | BMW S 1000 RR 1'34.410 +0.837
10 E. LAVERTY | IRL | Aprilia RSV4 RF 1'34.518 +0.945
11 L. SAVADORI | ITA | Aprilia RSV4 RF 1'34.554 +0.981
12 S. BRADL | GER | Honda CBR1000RR 1'34.691 +1.118
13 N. HAYDEN | USA | Honda CBR1000RR 1'34.949 +1.376
14 L. CAMIER | GBR | MV Agusta 1000 F4 1'34.953 +1.380
15 R. KRUMMENACHER | SUI | Kawasaki ZX-10R 1'35.147 +1.574
16 R. RUSSO | ITA | Yamaha YZF R1 1'35.465 +1.892
17 A. DE ANGELIS | RSM | Kawasaki ZX-10R 1'35.817 +2.244
18 R. RAMOS | ESP | Kawasaki ZX-10R 1'36.198 +2.625
19 A. BADOVINI | ITA | Kawasaki ZX-10R 1'36.249 +2.676
20 O. JEZEK | CZE | Kawasaki ZX-10R 1'36.568 +2.995

SBK, Buriram (Thailandia): Melandri inizia con il piede giusto

melandri-buriram.jpg

Superbike 2017 - Doveva conoscere il circuito, interpretarne le linee, trovare una strada giusta in termini di setting, anche perchè a Buriram non vi aveva mai girato. Se c'è evidentemente una cosa che Marco Melandri sa far bene, è imparare i tracciati. Anche perchè altrimenti non si spiegherebbe subito il secondo posto nelle prime prove libere sul circuito thailandese. 1'33.852 il riferimento cronometrico del portacolori Ducati Aruba.it Racing, preceduto dal solito, costante, martellante Jonathan Rea. Il leader del mondiale, dopo la doppietta a Phillip Island, non ha evidentemente alcuna voglia di fermarsi, e piazza in queste FP1 un 1'33.742 che lo lancia subito in vetta.

Kawasaki deve però fare attenzione: le rosse sono li, e sopratutto, sono ben agguerrite nelle posizioni che contano. Dietro Rea infatti, c'è un trio di Panigale R pronte ad attaccare il vertice. Melandri secondo, Chaz Davies terzo a 205 millesimi e Xavi Fores quarto con la Ducati preparata dal team Barni, a 577 millesimi dalla vetta.

rea-buriram.jpg

I tre precedono Tom Sykes con la seconda Kawasaki, staccato di appena un centesimo da Fores. L'inglese di Sheffield continua però a non mostrarsi estremamente brillante. Conferme che invece sta offrendo Yamaha, sesta con Alex Lowes - tra i grandi protagonisti del round di apertura - staccato di 621 millesimi, e settima con Michael Van der Mark, a 788 millesimi dalla vetta.

Buriram permette di riaffacciarsi davanti anche alle BMW che, anche qui in coppia, si prendono l'ottava e la nona piazza. Jordi Torres è l'ultimo piota ad accusare un ritardo inferiore al secondo, mentre Markus Reiterberger arriva a quota +1.122. Chiude la top ten un volitivo Nicky Hayden con una Honda CBR Fireblade ancora evidentemente acerba.

Se Tokio però piange (anche perchè Stefan Bradl è solo 14esimo) anche Noale, in questo caso non ride. Lorenzo Savadori ed Eugene Laverty si prendono l'11esima e la 12esima piazza, con un tempo praticamente identico (22 millesimi di differenza tra i due). La speranza per la compagine di Shaun Mir, è di riprendersi nelle Fp2. C'è da considerare infatti che le Aprilia (come ci ha spiegato lo stesso Savadori alla presentazione del team MotoGP) non è una moto facile da mettere a punto fino in fondo proprio per il suo carattere da corsa, ed evidentemente anche il team deve continuare il suo percorso di conoscenza con la RSV4.

Detto di Stefan Bradl 14esimo, è da rimarcare la 13esima piazza invece di Randy Krummenacher e del team Puccetti. Caselle sedici e diciassette invece per Riccardo Russo e Alex De Angelis. Ultimo dei classificati è Ayrton Badovini con la Kawasaki Grillini, mentre non ha chiuso nemmeno un giro il povero Leon Camier con la MV Agusta.

davies-buriram.jpg

SBK, Buriram: classifica FP1


01 1 J. REA GBR Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R 1'33.742 21 174,889 302,5
02 33 M. MELANDRI ITA Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R 1'33.852 0.110 0.110 22 174,684 302,5
03 7 C. DAVIES GBR Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R 1'33.947 0.205 0.095 22 174,507 304,2
04 12 X. FORÉS ESP BARNI Racing Team Ducati Panigale R 1'34.319 0.577 0.372 21 173,819 296,7
05 66 T. SYKES GBR Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R 1'34.329 0.587 0.010 19 173,800 299,2
06 22 A. LOWES GBR Pata Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 1'34.363 0.621 0.034 19 173,738 296,7
07 60 M. VAN DER MARK NED Pata Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 1'34.530 0.788 0.167 20 173,431 295,9
08 81 J. TORRES ESP Althea BMW Racing Team BMW S 1000 RR 1'34.710 0.968 0.180 27 173,101 300,8
09 21 M. REITERBERGER GER Althea BMW Racing Team BMW S 1000 RR 1'34.864 1.122 0.154 23 172,820 300,0
10 69 N. HAYDEN USA Red Bull Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR 1'34.969 1.227 0.105 19 172,629 293,5
11 32 L. SAVADORI ITA Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF 1'34.991 1.249 0.022 22 172,589 300,0
12 50 E. LAVERTY IRL Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF 1'35.037 1.295 0.046 21 172,505 300,8
13 88 R. KRUMMENACHER SUI Kawasaki Puccetti Racing Kawasaki ZX-10R 1'35.071 1.329 0.034 20 172,444 296,7
14 6 S. BRADL GER Red Bull Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR 1'35.524 1.782 0.453 22 171,626 297,5
15 40 R. RAMOS ESP Team Kawasaki Go Eleven Kawasaki ZX-10R 1'35.542 1.800 0.018 23 171,594 295,9
16 84 R. RUSSO ITA Guandalini Racing Yamaha YZF R1 1'35.606 1.864 0.064 21 171,479 286,5
17 15 A. DE ANGELIS RSM Pedercini Racing SC-Project Kawasaki ZX-10R 1'36.688 2.946 1.082 22 169,560 291,9
18 37 O. JEZEK CZE Grillini Racing Team Kawasaki ZX-10R 1'36.823 3.081 0.135 22 169,323 289,5
19 86 A. BADOVINI ITA Grillini Racing Team Kawasaki ZX-10R 1'37.052 3.310 0.229 18 168,924 289,5
-------------------------------------------------- Not Qualified --------------------------------------------------
NQ 2 L. CAMIER GBR MV Agusta Reparto Corse MV Agusta 1000 F4 1 216,0

  • shares
  • Mail