Moto Guzzi V7 III MY 2017: svelati i prezzi

Il Gruppo Piaggio ha reso noti i prezzi della Moto Guzzi V7 III MY 2017 già disponibile nelle concessionarie del marchio di Mandello

Oltre alle V9 Bobber e V9 Roamer, Moto Guzzi ha presentato al Salone EICMA 2016 anche la terza generazione della sua iconica V7, con la quale la casa di Mandello del Lario festeggia i 50 anni del modello, arrivato sul mercato nel 1967.

Mezzo secolo dopo, ad unire virtualmente passato, presente e futuro è V7 III, terza declinazione di una moto che, nelle sue versioni precedenti è, dal 2009, la più venduta del marchio lombardo, grazie alla molteplicità del suo target, rivolgendosi al pubblico femminile come a quello maschile di tutte le età, oltre che protagonista del reality Lord of the Bikes.

Le tre note versioni Stone, Special e Racer guadagnano una maggiore differenziazione tra loro, con la Stone che si incarica di interpretare l'anima dark caratteristica di ogni famiglia di Moto Guzzi, con le sue grafiche total black, mentre la declinazione classica, caratterizzata dalle molte cromature, è appannaggio della Special.

Alla Racer invece il non facile compito di rappresentare la storia dei successi sportivi del marchio che, al suo ritiro dalle corse avvenuto nel lontano 1957, poteva già vantare 15 titoli mondiali ed 11 vittorie nel Tourist Trophy. A queste tre versioni si affianca la Anniversario, una serie numerata e limitata a soli 750 esemplari.

Oggi Moto Guzzi ha comunicato il prezzo di due delle versioni della nuova Moto Guzzi V7 III, già disponibili presso i concessionari ufficiali:
-> Moto Guzzi V7 III Stone: 7.990 euro f.c.
-> Moto Guzzi V7 III Special: 8.490 euro f.c.

Moto Guzzi V7 III Racer e V7 III Anniversario saranno disponibili da metà febbraio 2017.

Design


moto-guzzi-v7iii-special-8.jpg

La continuità con il passato è l'elemento di base della terza generazione di V7, che vuole continuare ad essere la porta di ingresso al mondo Guzzi, con dimensioni pesi contenuti per la categoria, in modo da renderla una moto facile,  alla portata di tutti. Il design mantiene intatta la personalità dei precedenti modelli, con una iniezione di "muscoli" dovuta ai collettori di scarico a doppio tubo ed alle teste di dimensioni maggiori rispetto alla precedente versione.

Invariato invece il serbatoio, capace di 21 litri ed ispirato alla Sport del 1971, mentre il tappo diviene a vite, mantenendo la chiusura a serratura. Nuovo il design dei copri iniettori, dei fianchetti laterali, così come lo è la sella, le grafiche, i rivestimenti, gli indicatori di direzione e gli specchietti, più larghi di 40 mm a vantaggio della maggior visuale.

Si evolve anche la strumentazione, che si affida ad un singolo quadrante da 100 mm di diametro ed al quale se ne affianca, sulle versioni Racer e Special, un secondo che contiene il contagiri. La scala del tachimetro è analogica, mentre tutte le altre informazioni sono mostrate sul display digitale. Tra gli accessori disponibili c'è MG-MP, la piattaforma multimediale che consente di interfacciare lo smartphone al veicolo.

Motore


moto-guzzi-v7iii-stone-1.jpg

Anche se l'obiettivo principale di Moto Guzzi, per la sua V7 III, non sono le performance, il motore della nuova versione ha beneficiato di un incremento del 10% della potenza massima. L'unità presenta un basamento in alluminio irrigidito nei punti nevralgici, una nuova coppa dell'olio, cosa che vale anche per l'albero motore. È previsto un sistema di ventilazione che riduce le perdite di potenza dovute al pompaggio all’interno delle camere di manovella e una pompa dell’olio a portata ridotta in grado di assorbire meno potenza. Inediti il coperchio dell’alternatore, che ora integra l’uscita dei gas di blow-by, il condotto di aspirazione della pompa dell’olio la relativa valvola di by-pass.

Nuovi anche teste pistoni e cilindri in alluminio, con alesaggio e corsa (e quindi cilindrata) che restano invariati. Il motore, omologato Euro4, eroga adesso oltre 38 kW (52 cv) a 6200 giri/min, con la coppia che si attesta a 60 Nm a 4900 giri, ma è disponibile anche la versione depotenziata per chi possiede la patente A2. Un altro aspetto innovativo del motore di 744cc che equipaggia la nuova serie V7 III di Moto Guzzi è la frizione monodisco a secco dal diametro di 170 mm, mentre è stata rivista la rapportatura della prima e della sesta marcia, a tutto beneficio del piacere di guida.

Ciclistica


moto-guzzi-v7-iii-stone.jpg

La validità delle soluzioni Guzzi ha radici lontanissime, provenienti dall'esperienza del marchio nelle corse e trasferite poi alla produzione, come nel caso della V7 Police del 1970, che fu scelta dalla polizia di Los Angeles. La terza generazione di questo modello si affida ad un telaio in acciaio a doppia culla scomponibile. Invariata la distribuzione dei pesi (46% all'anteriore, 54% al posteriore), mentre è stata totalmente rivista la parte frontale, a cominciare dalla rivista geometria di sterzo, dai nuovi ammortizzatori anteriori Kayaba regolabili nel precarico molla, fissati al telaio con una maggiore inclinazione rispetto al modello precedente.

Il riposizionamento delle pedane, adesso più basse ed avanzata, congiuntamente alla sella più bassa (770 mm l'altezza da terra), concorre a originare una migliore triangolazione tra queste due componenti ed il manubrio, determinando una posizione di guida più comoda. Nuova anche la pompa freno posteriore, con serbatoio integrato. Completano la dotazione l'impianto ABS ed il sistema di controllo della trazione.

Scheda tecnica


moto-guzzi-v7iii-special-6.jpg

Cilindrata: 744 cc
Alesaggio: 80 mm
Corsa: 74 mm
Distribuzione: 2 valvole ad aste in lega leggera e bilancieri
Potenza max all’albero: 38 kW (52 CV) a 6200 giri/minuto
Coppia max all'albero: 60 Nm a 4900 giri/minuto
Impianto di scarico: catalizzatore a 3 vie con doppia sonda Lambda
Raffreddamento: Aria
Telaio: tubolare a doppia culla scomponibile in acciaio ALS.
Interasse: 1463 mm
Avancorsa: 106mm
Inclinazione cannotto di sterzo: 26,4°
Sospensione anteriore: escursione 130 mm, forcella telescopica idraulica, Ø 40 mm
Sospensione posteriore: forcellone oscillante pressofuso in lega leggera con 2 ammortizzatori regolabili nel precarico molla (Ohlins completamente regolabili per Racer)
Escursione: 93 mm (corsa ammortizzatore 80 mm) (Stone/Special/Anniversario), 96 mm (corsa ammortizzatore 75 mm) per Racer
Freno anteriore: disco flottante in acciaio inox Ø 320 mm, pinza Brembo a 4 pistoncini differenziati e contrapposti
Freno posteriore: disco in acciaio inox Ø 260 mm, pinza flottante a 2 pistoncini
Ruota anteriore: 18" in lega leggera (Stone), a raggi (Special/Racer/Anniversario) 100/90 (110/80 R18 in alternativa)
Ruota posteriore: 17" in lega leggera (Stone), a raggi (Special/Racer/Anniversario) 130/80
Altezza sella: 770 mm
Lunghezza: 2.185 mm
Altezza: 1110 mm
Altezza minima da terra: 150 mm
Capacità serbatoio carburante: 21 litri (riserva 4 litri)
Peso a secco: 189 kg (Stone) – 193 (Special/Anniversario)
Peso in ordine di marcia*: 209 kg (Stone) – 213 (Special/Anniversario)

* Peso con moto pronta all’uso, con tutti i liquidi di esercizio, con 90% pieno di carburante.

  • shares
  • Mail