Suzuki SV650 TTBS: tributo a Barry Sheene di Espace Moto 95

Nella costruzione di questa special, i francesi di Espace Moto 95 si sono ispirati alla Suzuki RG500 del leggendario bicampione del Mondo, prematuramente scomparso nel 2003 all'età di 52 anni

Barry Sheene è certamente uno dei piloti che più sono rimasti nel cuore degli appassionati del Motomondiale. Il britannico, soprannominato "Il Baronetto" per essere stato insignito dell'Ordine dell'Impero Britannico da Sua Maestà Elisabetta II, divenne celebre per il suo stile di vita viveur fatto di belle donne e automobili costose, con le quali amava recarsi ai Gran Premi.

Tra i nomignoli con cui era conosciuto si ricorda anche "Iron Man", affibbiatogli a causa di un gran numero di viti impiantategli dai chirurghi in seguito ai numerosi infortuni subiti: molto attento alla sicurezza, fu il primo pilota a credere fermamente nel casco integrale e ad utilizzare abitualmente il paraschiena.

Sheene fu anche precursore nella personalizzazione di tute e caschi: da sempre legato al suo numero personale (il mitico 7, a cui non rinunciò nemmeno per l'1 da Campione del Mondo) lanciò la moda dell'abbigliamento tecnico colorato che perdura ancora oggi.

Il due volte iridato, che per altro pare essere uno degli idoli di Valentino Rossi, è diventato talmente un mito da essere il protagonista di un film biografico che uscirà a breve.

L'alone leggendario che circonda la figura di Sheene ha spinto molto preparatori a ispirarsi, nella creazione delle loro special, alla Suzuki RG500 con cui egli vinse il titolo di Campione del Mondo nel biennio 1976-1977: l'ultima della serie è questa Suzuki SV650 preparata dai francesi di Espace Moto 95.

Sotto alla livrea rosso-giallo-nera della "mezzolitro" a due tempi di Barry si cela infatti la celebre media bicilindrica da 650 cc della casa di Hamamatsu: è stata proprio Suzuki Francia a incoraggiare i concessionari a proporre le proprie creazioni basate sulla recentemente rinnovata naked V-Twin.

Lo spirito nostalgico di questa realizzazione è reso evidente dalle forme chiaramente ispirate al passato, come il cupolino che con i suoi fari tondi richiama le moto da endurance dei decenni che furono.

Sui fianchi, l'immancabile numero 7 del pilota britannico, prematuramente scomparso nel 2003 a causa di un cancro: ma la leggenda di Barry Sheene è destinata a vivere ancora a lungo.

  • shares
  • Mail