Marquez: “Rossi mi ha aggredito, non merita il titolo”

Il Campione dl Mondo della MotoGP dice la sua sul contatto con Valentino Rossi nel GP di Malesia 2015.

A poche ore di distanza, pare ormai certo che il già famigerato ‘contatto‘ tra Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) e Marc Marquez (Honda Repsol) nel GP di Malesia di oggi resterà per anni motivo di discussione per gli appassionati della velocità a due ruote.

Con Marquez subito KO e costretto al ritiro e Rossi poi terzo sul traguardo di Sepang ma penalizzato con l’ultimo posto in griglia per il round di Valencia, gli strascichi polemici sull’argomento continueranno certamente per le prossime settimane, sia tra i due protagonisti diretti dell’episodio che con Jorge Lorenzo, rivale per il titolo di Rossi e apparso già ‘avvelenato‘ per una sanzione considerata ‘leggera‘ nei confronti del compagno di box.

Movistar Yamaha MotoGP's Italian rider Valentino Rossi (L) chases Repsol Honda Team's Spanish rider Marc Marquez (R) during the 2015 MotoGP Malaysian Grand Prix at the Sepang International Circuit on October 25, 2015.     AFP PHOTO / MANAN VATSYAYANA        (Photo credit should read MANAN VATSYAYANA/AFP/Getty Images)

Dopo la decisione della Direzione Gara, Marc Marquez è stato protagonista di una conferenza stampa organizzata ad-hoc per controbattere anche alle prime dichiarazioni sull’argomento arrivate dallo stesso Rossi. Questa la ‘campana‘ di Marquez su quanto successo oggi a Sepang:

“La prima cosa che ho pensato è stata quella di rialzare la moto e recuperare, perché il mio obiettivo per le ultime due gare era il podio, ma si era rotta la pedana e quindi sono dovuto rientrare al box. Rossi mi ha guardato due volte, sapeva perfettamente dove mi trovavo e mi ha tirato un calcio: penso si veda bene dalle immagini televisive.”

“In questo sport rischiamo la vita. Possono esserci incidenti o contatti, questo lo capisco, ma non so come possa venire in mente a qualcuno di fare una cosa del genere nel bel mezzo di una corsa. Nel calcio esiste il cartellino rosso, qui invece solo ti danno solo 3 punti di penalità sulla patente…”

CORRECTION - NAME Movistar Yamaha MotoGP's Italian rider Valentino Rossi and Spanish rider Jorge Lorenzo (L) chase Repsol Honda Team's Spanish rider Marc Marquez (R) during the 2015 MotoGP Malaysian Grand Prix at the Sepang International Circuit on October 25, 2015. AFP PHOTO / MANAN VATSYAYANA        (Photo credit should read MANAN VATSYAYANA/AFP/Getty Images)

Riguardo ai suoi rapporti con Valentino Rossi dopo quanto successo oggi in Malesia – con le prime schermaglie tra i due che avevano avuto inizio sin dalla conferenza stampa ufficiale del giovedì – il Campione del Mondo della MotoGP ha risposto:

“Non è stato molto bello quello che Rossi ha detto su di me nel dopo-gara. Ma per me era un idolo e io lo rispetto. Ovviamente lui non ammetterà mai di avermi fatto cadere apposta, ma non si può scappare alla prova TV. Né per le due occhiate, né per il calcio. Per me si è trattato di una vera e propria aggressione. Alla fine io sono caduto e non ho preso punti, mentre lui ne ha intascati 16. Anche se parte ultimo a Valencia, in tre o quattro giri sarà di nuovo lì con noi.”

yamaha-motogp-sepang-2015-6.jpg

Per quanto riguarda le possibilità che Rossi ha di aggiudicarsi il titolo MotoGP 2015 dopo la sanzione di oggi, Marquez ha rincarato la dose:

“Ha disputato una grande stagione, ma dopo quanto accaduto non merita il titolo. Nelle immagini registrate ho visto chiaramente che mi ha dato un calcio sulla mano, facendomi pinzare il freno anteriore: per questo sono caduto! Sto bene fisicamente, eravamo a bassa velocità, ma avrei potuto farmi male. Alla fine, il mio amore per il motociclismo e per le corse rimarrà immutato, invece il mio rapporto con Valentino cambierà, e di molto.”

KUALA LUMPUR, MALAYSIA - OCTOBER 25:  Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team speaks during the Marc Marquez press conference at the end of the MotoGP race during the MotoGP Of Malaysia at Sepang Circuit on October 25, 2015 in Kuala Lumpur, Malaysia.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Sullo svolgimento della corsa al Sepang International Circuit, Marquez ha aggiunto:

“Stavamo facendo una buona gara fino all’incidente. All’inizio ho fatto un errore, ma poi ho ritrovato la fiducia. Valentino mi ha superato, l’ho seguito per mezzo giro e ho visto che potevo essere più veloce di lui, così ho provato a superarlo di nuovo. Abbiamo iniziato una lotta tra noi, e io l’ho sempre passato senza avere mai alcun contatto con lui.”

“Alla curva 14 mi ha passato all’interno, io ho rialzato la moto, ma lui ha continuato ad andare dritto e io lo vedevo che guardava verso di me. Non sapevo cosa fare. Poi lui mi ha dato un calcio colpendo la mia leva del freno, e così sono caduto.”

“Lascio che sia la Direzione Gara ad occuparsi della sanzione. Tutto quello che so è che ho fatto zero punti e che sono finito nella ghiaia, ma per fortuna sto bene. Valentino mi ha deluso sia per quello che ha detto alla Direzione Gara che per quello che ha fatto in pista. Non avevo mai visto niente di simile: un pilota che prende a calci un altro pilota! Potrebbe trattarsi di una questione di nervi, ma io voglio cercare di dimenticare tutto: la cosa importante è che sto bene fisicamente. Mi auguro, per il bene di questo sport, che tutto ciò finisca qui!”

Movistar Yamaha MotoGP's Spanish rider Jorge Lorenzo (R) chases Repsol Honda Team's Spanish rider Marc Marquez (L) during the 2015 MotoGP Malaysian Grand Prix at the Sepang International Circuit on October 25, 2015.     AFP PHOTO / MANAN VATSYAYANA        (Photo credit should read MANAN VATSYAYANA/AFP/Getty Images)

Ultime notizie su MotoGP

Tutto su MotoGP →