Smentito l'incontro Rossi-Yamaha in Olanda, 'piratato' l'account Twitter di MacKenzie

MotoGP 2012 - Laguna Seca - Box e Paddock

La voce circolata ieri sera - e riportata in mattinata anche da noi e da altri organi di informazione italiani e non - riguardante un presunto avvistamento di Valentino Rossi presso il Quartier Generale di Yamaha Europe nei Paesi Bassi sembrerebbe essersi rivelata, in fin dei conti, infondata. Secondo MotoMatters.com, un hacker francese avrebbe infatti 'piratato' l'account Twitter di Niall Mackenzie abbinandolo ad un proprio indirizzo e-mail, ed in tal modo le richieste di conferma della notizia rivolte allo stesso MacKenzie hanno fatto riferimento alla medesima singola fonte, rivelatasi poi non corretta.

Sempre secondo quanto riportato da MotoMatters, la persona che ha compromesso l'account di MacKenzie sarebbe poi stata messa alle strette da un giornalista che stava investigando su questa storia, ed avrebbe quindi confessato che si trattava solo di uno scherzo, scusandosi per i possibili inconvenienti che tale 'burla' avrebbe provocato. Il tweet che ha dato origine a questa voce era comunque apparso sull' account Twitter effettivamente utilizzato da Niall Mackenzie (basta scorrere la timeline per rendersene conto), elemento che ha dato subito credibilità alla notizia.

Inoltre, i dati forniti nelle conversazioni via e-mail dall'hacker ai colleghi di MotoJournal sono stati ritenuti verosimili e convincenti (la posizione effettiva del Quartier Generale Yamaha; i possibili piani di Tarran, secondo figlio Mackenzie, per correre nella Superstock 600 Europea) e da lì la notizia si è poi diffusa a macchia d'olio. MotoJournal ha in seguito ammesso l'errore e pubblicato una smentita, e così facciamo anche noi, scusandoci con i lettori.

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: