MotoGP: Kawasaki 800 nelle mani di Ichiro Yoda



In casa Kawasaki, dopo le recenti delusioni nella MotoGP, si sta pensando di tornare all'antico con una gestione diretta del team da parte del reparto corse giapponese. Meno potere a Harald Eckl e sviluppo della 800 cc nelle mani del direttore tecnico Ichiro Yoda.

Stiamo parlando di uno dei più stimati ingegneri del circus, a lungo nelle fila della scuderia Yamaha nella quale ha lavorato per 20 anni con nomi del calibro di Wayne Rainey, Max Biaggi ed infine con Jeremy Burgess ed il fuoriclasse pesarese sette volte iridato Valentino Rossi.

Ad onor del vero, chi ha seguito la trasmissione condotta da Franco Bobbiese, Griglia di Partenza giovedì scorso, sa che Carletto Pernat ne ha dato notizia in anteprima.

La casa di Akashi ha inoltre perso il suo top rider Shinya Nakano passato alla Honda del team Minolta dopo anni di discrete performance ma mai di exploit degni di nota. Forse una coppia di piloti di calsse ed esperienza potrebbero aiutare non poco a risalire la china.

Secondo voi, Olivier Jacque e Randy De Puniet sono davvero i nomi giusti per rilanciare la casa nipponica?

via | Motocorse

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: