SBK, Honda: domani a Jerez la sfida tra i figli di Rea e Haslam

Max Haslam e Jake Rea, figli dei due portacolori del team Pata Honda World Superbike, si sfideranno domani sulle Fireblade dei rispttivi papà anche se devono ancora compiere il 1° anno di vita…


Il team Pata Honda World Superbike – attualmente impegnato nella ‘tre giorni’ di collaudi a Jerez dopo il buon test di Cartagena – ha rilasciato oggi un comunicato con il quale annuncia l’introduzione di una nuova politica per l’addestramento e lo sviluppo dei giovani piloti, un programma di carattere prettamente nepotistico e che punta ad assicurare un radioso futuro alla squadra nel mondo delle corse.

Domani, al termine del terzo e ultimo giorno di test della Superbike a Jerez de La Frontera (clicca qui per vedere i tempi dal Day-1), i piloti ufficiali del team Leon Haslam e Jonathan Rea consegneranno infatti le loro Honda CBR1000RR SP Fireblade ai rispettivi figlioletti, che si misureranno tra di loro in una sfida al limite di tutte le nozioni conosciute in materia precocità in sella.

Secondo il team, Max Haslam e Jake Rea – nessuno dei quali è ancora arrivato a compiere il primo anno di età – hanno infatti ereditato una quantità sufficiente del cosiddetto ‘gene della velocità‘ (‘Speed Gene‘) da giustificare già da ora il loro debutto in un test completo con le sofisticate moto dei loro illustri papà. La crew del team Pata Honda precisa di aver già provveduto ad abbassare l’altezza da terra di entrambe le CBR e preparato un sistema di traduzione simultanea dal ‘goo-ga‘ all’inglese per registrare il feedback dei due aspiranti giovani piloti.

SBK 2014 – Honda – Jake Rea vs Max Haslam

In attesa del collaudo di tale traduttore, i due orgogliosi genitori, entrambi a loro volta figli d’arte, hanno provveduto a commentare l’idea. Così Leon Haslam, figlio del mitico Ron Haslam:

“Sarà interessante vedere se il piccolo Max ha già quel qualcosa in più, quello stesso genere di talento che, guarda caso, sia io che mio padre abbiamo ricevuto. Comunque mi sa che sarà lui a essere il più veloce, anche perché ha un po’ di un vantaggio in termini di peso.”

Jonathan Rea, il cui padre Johnny Sr. vinse il TT del 1989 e diversi campionati nord irlandesi, non è affatto d’accordo con il connazionale e compagno di colori:

“Jake è nato uno o due mesi dopo Max, ma noi lo abbiamo nutrito con le arringhe affumicate dell’Isola di Man apposta per farlo diventare più forte. A Manx ha fatto pipì sulla mia CRF450R da cross, costringendomi a pulire la sella subito dopo, ma sono certo che qui riuscirà a cavarsela.”

Superbike 2014 – Phillip Island – GALLERY Prove Libere

Pieter Breddels, responsabile Honda per lo sviluppo e la crescita dei giovani piloti, ha poi spiegato:

“Con i piloti del campionato del mondo che, apparentemente, anno dopo anno, sono sempre più giovani – proprio come poliziotti, in realtà – abbiamo deciso che dobbiamo iniziare ad investire subito nei giovanissimi. Il padre di Jonathan ha corso e vinto un TT, e anche il papà di Leon era piuttosto bravo, quindi deve per forza essere una cosa genetica. Se non sarà così passeremo per degli sciocchi, ma per i ragazzi il divertimento è assicurato.”

Le tute per Max e Jake sono pronte già dall’anno scorso. In cosa consisterà esattamente questa sfida? Ma e ovvio: in un bel Pesce d’Aprile

Superbike 2014 – Phillip Island – GALLERY Superpole

I Video di Motoblog