Harley-Davidson richiama alcuni modelli 2014

Harley-Davidson richiama alcuni modelli 2014, la problematica riguarda i sistemi di frizione idraulica

Harley-Davidson sta richiamando alcune moto Touring della gamma 2014 equipaggiate con il nuovo sistema di frizione idraulica. Il richiamo in atto, secondo quanto dichiarato dalla Casa, include la precisa richiesta ai proprietari di “non guidare” e ai concessionari di “non consegnare” le moto oggetto del richiamo fino a quando non saranno considerate idonee.

Tony Wilcox, Harley-Davidson General Manager of Motorcycle New Product Delivery, in proposito ha dichiarato:

"La sicurezza dei clienti è la nostra massima priorità. Abbiamo identificato potenziali problemi di sicurezza e ci stiamo muovendo rapidamente per informare i nostri clienti e rivenditori. La verifica e la riparazione di queste moto è estremamente importante, quindi è fondamentale che i possessori di veicoli potenzialmente interessati, contattino immediatamente la propria concessionaria. Ci scusiamo per questa situazione. L'azienda si è impegnata per risolverla e fornire ai clienti tutta l'esperienza e la qualità del servizio che si aspettano".

Il richiamo in oggetto riguarda per la verità non molte moto, in quanto il problema è stato riscontrato solo sui modelli equipaggiati con la nuova frizione idraulica: 25.185 moto Touring, in particolare i modelli FLHTCU (Ultra Classic Electra Glide), FLHTK (Electra Glide Ultra Limited), FLHTP (Electra Glide Police, non importata in Italia), FLHX (Street Glide), FLHXS (Street Glide Special, non importata in Italia), FLHTKSE (CVO Ultra Limited) e FLHRSE (CVO Road King). A questi modelli Touring ci sono da aggiungere pochi esemplari di Trike e di due altri modelli CVO che non fanno parte della piattaforma Touring ma sono comunque dotate della nuova frizione. In totale 3.861 tra CVO Softail e Trike, modelli FLHTCUTG (Tri Glide Ultra Classic), FXSBSE (CVO Softail Breakout) e FLSTNSE (CVO Softail Deluxe), costruiti tra il 3 maggio 2013 e il 14 ottobre 2013.

Alcune di queste moto presenterebbero una condizione per la quale il sistema di frizione idraulica potrebbe perdere la capacità di generare portanza sufficiente a disinnestare la frizione. Harley-Davidson ha avviato questa azione di richiamo per mettere a punto le moto interessate. La società sta emettendo in via precauzionale la richiesta restrittiva di “non guidare” considerati i potenziali problemi di sicurezza.

Inoltre invita i possessori di moto interessate al richiamo, a contattare immediatamente il concessionario ufficiale Harley-Davidson per organizzare un controllo. Il dealer prenderà in carico la moto, la verificherà e farà le dovute riparazioni senza alcun costo a carico del proprietario. Le riparazioni da attuare sono state identificate e l’operazione durerà meno di un'ora. Anche se la National Highway Transportation Safety Administration è chiusa a causa del parziale shutdown del governo, Harley-Davidson sta procedendo con il presente richiamo volontario in linea con le procedure richieste dal NHTSA.

Questo quanto comunicato dalla Casa. Prima che i soliti detrattori del marchio dicano la loro, ci teniamo a precisare che per quanto riguarda l’Italia il problema è davvero minimo. Le prime H-D Touring sono in consegna da pochissimo e ovviamente tutte le moto consegnate dopo il 14 ottobre sono state e verranno sottoposte ai controlli.

Il problema riguarda quindi solo le famiglie Touring, Trike e CVO e non affligge i modelli delle famiglie Sportster, Dyna, Softail (a eccezione dei due modelli CVO in oggetto) e V-Rod. Gli Americani poi, anche per questioni assicurative, spesso sono fin troppo attenti con le avvertenze, ma il problema tecnico riguarda l’eventuale difficoltà nel disinnestare la frizione, quindi è evidente che chiunque con un minimo di nozioni di guida è in grado di arrestare la moto in questa situazione. Se però rientrate tra i fortunati proprietari di queste moto sarete già stati avvisati e vi consigliamo quindi una visita al dealer H-D più vicino, meglio se è lo stesso da cui l’avete acquistata.

  • shares
  • Mail