WSBK Misano, Superpole storica. La prima volta della BMW! Porta la firma del "coccodrillo" Troy Corser


Anche così, con un fulmine a ciel sereno nella assolata terra di Romagna, si scrive la storia del motociclismo.

La firma è quella di Troy Corser. Il “coccodrillo” fa volare la sua BMW, portando la Casa tedesca nel firmamento della Superpole del mondiale SBK.

E’ la prima volta in assoluto, un risultato che premia l’inossidabile classe e la straordinaria determinazione del pluricampione del mondo australiano, nonché l’ascesa dei bolidi della Marca teutonica.

L’1’35.001 messo a segno da Troy, nuovo record, è il miglior biglietto da visita per il GP San Marino a Misano, ottavo round di un mondiale incandescente.

Ma altre “bombe” risuonano nell’aria in riva all’Adriatico: Max Biaggi, che onora il suo 39esimo compleanno con un secondo tempo da favola (1’35.502) e Michel Fabrizio, gran terzo tempo (1’35.680), finalmente tornato di forza fra i grandi, in prima fila, chiusa da Carl Crutchlow (1’35.683), beffato proprio nel Q3.

Quindi, BMW, Aprilia, Ducati, Yamaha in prima fila! Con due italiani in grado domani di lottare per la vittoria.

Con il “corsaro” pronto per un nuovo arrembaggio e prendere definitivamente il largo in classifica generale. Già, perché, l’avversario numero uno del romano, Haslam ha faticato eccome!, è solo settimo, un tempo preso per la punta dei capelli, dietro al compagno di squadra Guintoli che precede uno stratosferico, addirittura commovente, Luca Scassa, ottavo.

Ottimo Checa, quinto. Discreto, ma sempre in salita, Haga, nono tempo. Male Rea, Toseland, Xaus (caduto), Camier.

Non è difficile prevedere due corse di fuoco. L’aria di casa fa bene ai piloti italiani. Ma non solo a loro.

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: