Firenze sull'esempio di Modena, un passo avanti verso la sicurezza

guardrail

La Provincia di Firenze emulerà alcuni progetti in favore della sicurezza stradale dei motociclisti già in corso a Modena. Nella giunta provinciale fiorentina è stata infatti approvata all’unanimità la mozione dei consiglieri Lazzerini (Sinistra per la Provincia) e Tondi (UDC) sulla sicurezza stradale e guard-rail per i motociclisti. Considerata l'importanza, vi riportiamo le parti più significative della discussione.

Sulla base della nascita del Motoclub della Provincia, con obiettivi ludici ma anche per portare all’attenzione alcune problematiche che sono inerenti al campo delle due ruote, abbiamo pensato che le strade di per sé, a partire dai guard-rail, ma anche la segnaletica orizzontale e verticale, pali, paletti e quant’altro, sono veramente delle trappole mortali per quanto riguarda i motociclisti".

"I dati degli ultimi anni sono terribili: nel 2005 si sono registrati quasi 45 mila decessi per incidenti stradali, senza contare gli invalidanti, in tutta Europa. E la cosa che fa ancora più specie è che la maggior parte avviene a persone sotto i 40 anni. Quindi la situazione di per sé è molto grave. La stessa Comunità Europea, pur avendo proclamato di voler dimezzare le vittime per incidenti stradali entro il 2010, non ha ancora emanato una normativa che racchiuda le normative stesse riguardo ai motociclisti".

"La Provincia di Modena, patria dei motori, che registrava un numero di decessi molto alto ha sottoscritto una convenzione con l’Istat e con l’Osservatorio nazionale sugli Incidenti Stradali per monitorare il fenomeno con interventi mirati. Con questo documento chiediamo che la Giunta si attivi, proprio sull’esempio della Provincia di Modena, con azioni adeguate al monitoraggio della sicurezza sulle strade di competenza, che si avvii un percorso di adeguamento nei punti sensibili, dei dispositivi di sicurezza per i motociclisti, ovvero i guard-rail, le strisce antiscivolo e l’apposita segnaletica, orizzontale e verticale".

La Vice Presidente della Giunta ed assessore alle infrastrutture Laura Cantini ha sottolineato che "la richiesta trova un lavoro già avviato, perché da tempo sono attive le iniziative per la salvaguardia della sicurezza dei veicoli a due ruote”. Sembrerebbe, quindi, una buona notizia ma lo scetticismo è d'obbligo perchè di promesse ne abbiamo lette tante, di inziative concrete viste poche.

via | Motociclisti Incolumi

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: