Test Supersport: Progressi per la Triumph nei test di Imola

team Triumph ParkinGO Triumph BE1 Racing

Il team ParkinGO Triumph BE1 Racing onclude la due giorni di test di Imola con netti segni di miglioramento. La squadra è scesa sul circuito "Enzo e Dino Ferrari" al gran completo, con l'intento di proseguire nel lavoro di sviluppo in vista dell'imminente appuntamento di Brno e per preparare il round di campionato che si correrà ad Imola in settembre.

Nell'occasione, oltre ai permanent rider Gianluca Nannelli e Garry McCoy, il team ha schierato anche il sudafricano Sheridan Morais, che ha avuto la possibilità di testare la moto nell'ultima delle due giornate previste. A complicare un po' la vita il gran caldo, che ha reso la pista particolarmente scivolosa nelle ore centrali del giorno. Nonostante ciò i piloti sono riusciti a rispettare il programma di lavoro previsto.

"E’ stata un'ottima due giorni di test, nella quale ho avuto possibilità di trovare un buon feeling con la pista e sperimentare alcune soluzioni che equipaggeranno la moto anche a Brno. - ha dichiarato Garry McCoy - In configurazione gara, cioè sino alla fine del turno di stamani, ero molto vicino al miglior tempo. Nel pomeriggio ho proseguito nei lavori di collaudo, non riuscendo così ad abbassare ulteriormente il mio crono. Questo test ci consentirà inoltre di presentarci ad Imola a settembre con le idee più chiare, anche se certamente le temperature saranno molto diverse e richiederanno assetti differenti. Non mi è piaciuta la nuova variante, mi sembra pericolosa. Finchè si è in pista da soli nessun problema, ma se qualcuno sbagliasse in bagarre, avrebbe degli spazi di fuga veramente stretti".

team Triumph ParkinGO Triumph BE1 Racing
team Triumph ParkinGO Triumph BE1 Racing
team Triumph ParkinGO Triumph BE1 Racing
team Triumph ParkinGO Triumph BE1 Racing

Queste invece le dichiarazioni di Gianluca Nannelli: "E’ stato bello tornare a girare ad Imola, un circuito per me speciale. Su questa pista ho ottenuto nel 2005 la mia vittoria nel mondiale, risultato che sogno di ripetere a settembre con la Triumph. Siamo riusciti a svolgere un buon lavoro, anche se ho cominciato nella maniera sbagliata, aggredendo la pista e soprattutto le varianti. Solo nel pomeriggio di oggi ho capito come guidare per essere più incisivo e nonostante montassi la gomma da gara sul finale del turno ho replicato per ben 4 giri il mio miglior tempo. E’ stato importante essere qui, ci servirà a settembre, quando saremo in lotta per un piazzamento prestigioso".

  • shares
  • Mail