• Varie

CIV aspettando Misano: intervista a Michele Pirro

Mancano pochi giorni alla quinta e penultima tappa del Campionato Italiano di Velocità 2008. Dal 26 al 28 settembre i pretendenti al tricolore si ritroveranno sullo splendido circuito di Misano Adriatico e tra questi, naturalmente, Michele Pirro. Il centauro di San Giovanni Rotondo torna in pista dopo l’appuntamento mondiale di Donington Park, data l’assenza della

Mancano pochi giorni alla quinta e penultima tappa del Campionato Italiano di Velocità 2008. Dal 26 al 28 settembre i pretendenti al tricolore si ritroveranno sullo splendido circuito di Misano Adriatico e tra questi, naturalmente, Michele Pirro.

Il centauro di San Giovanni Rotondo torna in pista dopo l’appuntamento mondiale di Donington Park, data l’assenza della serie Stock a Vallelunga. “Avrei voluto disputare la gara della 600 Super Sport e credevo di essermi meritato la wild card dopo la bella prova offerta proprio a Vallelunga, nel CIV, al debutto in sella alla R6 del Team Yamaha” sostiene Michele.

“Invece ho dovuto rinunciare, quindi risalirò in sella dopo quasi 3 settimane, nelle libere del giovedì di Misano”.

Pirro, pugliese all’anagrafe ma da tempo residente in Romagna, ha dovuto fare i conti con alcuni problemi fisici che ne hanno limitato le prestazioni nelle ultime uscite stagionali: “Il 7 agosto mi sono sottoposto ad un intervento chirurgico per eliminare i dolori alle braccia.”

“Ormai il fastidio era diventato insopportabile, a fine luglio, proprio al CIV, negli ultimi 5 giri non riuscivo più ad azionare la leva del freno. Aspetto Misano per vedere se l’intervento darà gli effetti sperati: a Villa Serena, in anestesia totale, mi hanno praticato 7 piccoli tagli per liberare i muscoli dalle guaine”.

Campionato Panta Superstock 1000 ancora apertissimo: “I 4 punti di vantaggio che ho su Giugliano sono veramente pochi! Nel 2007 ho dovuto fronteggiare più avversari, ora siamo solo noi due e ce la giocheremo fino alla fine perché entrambi vogliamo vincere. Davide è un pilota fortissimo, forse il migliore tra i più giovani italiani, e poi è terribilmente determinato. Lo stimo e mi sento anche vicino a lui perché, sia pure in misura minore rispetto a me, è passato per la 125 GP“.

2008 non particolarmente fortunato nel mondiale, aspettando un 2009 ancora povero di certezze: “Mi mancano i punti di Monza, quando sono stato tirato giù al via. A Donington abbiamo tentato con le gomme intermedie ma ha piovuto subito prima del via. Per il prossimo anno di sicuro niente Superbike perché, per ora, le moto ufficiali le danno solo ai “vecchietti”. Sto valutando varie proposte tra la 600 SS e la Stock 1000.”

I Video di Motoblog