WSBK, Aprilia: Laverty e Guintoli all'attacco a Phillip Island

Ormai orfano del classe e del carisma del Campione del Mondo in carica Max Biaggi - che si appresta a sua volta a debuttare a Phillip Island nelle inedite vesti di commentatore TV - l’Aprilia Racing Team si avvicina al GP d'Australia, round di apertura del Mondiale SBK 2013, dopo aver partecipato ad entrambe le recenti sessioni di test sul medesimo circuito.

I riscontri cronometrici raccolti dai suoi due alfieri, il confermato Eugene Laverty ed il neo-arrivato Sylvain Guintoli, non hanno sicuramente fatto gridare al miracolo, ma il team ha lavorato molto sull'affinamento del set-up della RSV4, soprattutto in funzione delle nuove coperture Pirelli da 17 pollici, e la fiducia nella moto campione del mondo è comunque totale (come confermato nel video d'apertura dal capotecnico di Guintoli, Aligi Deganello).

La squadra veneta ha inoltre dedicato diverso tempo ad una delle novità per la stagione 2013, ossia la possibilità di fare un pit-stop per il cambio gomme in caso di condizioni atmosferiche mutevoli, con i membri del team che hanno effettuato delle specifiche prove a tal proposito per verificare le procedure e prepararsi al meglio nel caso dovesse verificarsi una situazione così delicata. Seguono le dichiarazioni dei piloti in vista del weekend di gara.

Eugene Laverty, che ieri ha chiuso il test al nono posto con il miglior tempo personale di 1:31.712, a +0.653 dal miglior crono di Carlos Checa (Team Ducati Alstare), è sicuramente impaziente di scendere in pista:

"Siamo pronti ad affrontare questo weekend. La durata delle gomme sarà uno dei fattori più importanti, ma siamo ancora lontani da domenica quindi non sappiamo ancora quali saranno le condizioni. La Aprilia RSV4 sembra essere, a mio parere, la moto più equilibrata su questo circuito. Sono ottimista, penso che possiamo iniziare la stagione con dei buoni risultati."

Il francese Sylvain Guintoli invece ammette di essere ancora alla ricerca del perfetto affiatamento con la sua nuova moto, ma il suo ottimismo in vista del weekend è palpabile. Nella seconda giornata di test di ieri Guintoli ha fatto segnare un buon 1′31.658, tempo con cui ha chiuso all'ottavo posto a 6 decimi da Checa, ma il francese nutre comunque piena fiducia nella sua RSV4:

“I test sono andati bene giorno dopo giorno ho preso confidenza con la moto. Abbiamo concentrato il lavoro nel rendere la RSV4 veloce sul passo di gara, cosa che sembra sarà un problema per molti piloti in queste condizioni. Dopo i test mi sento più in sintonia sia con la moto che con il mio Team, il che è davvero importante. Non vedo l’ora di iniziare il weekend e spero di poter affrontare la prossima domenica da protagonista”.

  • shares
  • Mail