Supersport: Ronald Ten Kate attacca la Pirelli

Broc Parkes a Imola 2012

Ronald Ten Kate, numero uno del team Honda Ten Kate che schiera Rea e Aoyama in Superbike, si é lasciato andare ad alcune critiche alle coperture Pirelli per il Campionato Mondiale Supersport. Secondo Ten Kate infatti, la scarsa consistenza delle gomme a Imola é costata il podio a Broc Parkes, alfiere del team olandese nella categoria con la Honda CBR600RR.

In virtù del terzo posto conquistato nel primo round del mondiale a Phillip Island, Parkes si era presentato ad Imola con grosse speranze anche in chiave 'titolo mondiale', ma un drammatico calo di rendimento della gomma posteriore Pirelli già al terzo giro della gara imolese lo aveva costretto a rientrare nel box per sostituirla. L'australiano era quindi rientrato in pista con una gomma dalle specifiche identiche, inanellando una serie di giri veloci - incluso il nuovo record della pista per la categoria - che comunque non gli sono vasi nessun punto, chiudendo ventesimo e 'doppiato' dal vincitore, il francese Fabien Foret. Osserva le gomme di Parkes a Imola.

Questo campionato ha la regola del 'fornitore unico' - ha tuonato Mr.Ronald - e ciò sta a significare che tutti dovremmo avere gomme dello stesso livello. Sfortunatamente, questo weekend siamo incappati in gomme 'non-buone' per due volte. La prima in qualifica, e ci é costata la prima fila, ma questo non era poi così importante perché sapevamo di avere un buon passo per far bene in gara. La seconda però ci é costata la gara." Leggi le dichiarazioni di Ten Kate dopo il 'continua'.

La gomma di Parkes sostituita a Imola
La gomma nuova di Parkes a fine gara

"Broc é stato costretto a rientrare nei box - ha spiegato Ten Kate - perchè era diventato pericoloso per lui stare 'fuori' con quella gomma. Lo abbiamo rimesso in pista con una gomma dalle specifiche identiche a quello sostituita e lui ha messo insieme una grande serie di giri veloci, incluso il nuovo record della pista. Aveva un passo tale che gli avrebbe senza dubbio permesso di giocarsi la vittoria."

"E' la dimostrazione che non c'era niente di sbagliato con il pilota, l'assetto della moto o la squadra: si é trattato di qualcos'altro. Dopo i problemi di gomma a Phillip Island é successo di nuovo quì [a Imola], e quindi spero fortemente che né noi, né altri team del campionato debbano ritrovarsi di nuovo in una situazione simile. Non é questo il modo in cui si corre."

Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012

Lo stesso Parkes é poi tornato sulla questione: “Abbiamo cominciato la gara con esattamente la stessa gomma che avevamo usato nel warm-up del mattino: era già usata e in mattinata ci avevamo fatto altri nove giri, per un totale di quindici. Sembrava tutto ok, ed invece in gara la gomma era già completamente distrutta dopo 2 o 3 giri. Dopo 5 giri ho capito di non poter più andare avanti e quindi sono rientrato al box. Abbiamo montato una gomma nuova con le stesse identiche specifiche, e quando sono uscito ho fatto degli ottimi tempi, con il giro veloce in gara e nuovo record della pista."

"Con questa sono due gare di fila che abbiamo problemi con le gomme - ha proseguito Parkes - e mi dispiace moltissimo soprattutto per la squadra: hanno speso moltissimo del loro denaro per gareggiare quest'anno, e a questo punto penso che sarebbero anche potuti andare a giocare a golf tutti insieme, perché correre in questa maniera é solo una perdita di tempo." Un portavoce della Pirelli ha già confermato che il pneumatico difettoso sarà spedito al quartier generale del gommista a Milano per delle analisi approfondite, e che una relazione sull'inconveniente sarà fornita al team olandese prima della gara di Assen, in programma tra due settimane.

Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012
Broc Parkes a Imola 2012

via | MCN

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: