Aprilia Tuareg 1200... forse a Milano?

Aprilia Tuareg

Al Salone Internazionale del Motociclo di Milano (in programma dal 2 al 7 novembre) vedremo importanti novità presentate del Gruppo Piaggio. Lo ha confermato Roberto Colaninno la scorsa settimana presso lo Spazio Broletto durante l’inaugurazione dello Show Room milanese avvenuta in concomitanza con la presentazione della nuova Aprilia Dorsoduro 1200, della Moto Guzzi V7 Racer 2011. Nello stesso spazio è stata inoltre esposta la nuova Guzzi Norge GT 8V. E proprio dalla Dorsoduro 1200 prendiamo qualche spunto per spiare nel futuro del marchio Veneto. All’Eicma 2010 potremmo infatti vedere materializzarsi la tanto attesa endurona Aprilia da 1200cc, erede della Capo Nord e della storica Tuareg che tanti appassionati rese felici e fece innamorare nelle sue diverse cilindrate dalla 50 alla 600cc.

Il nome infatti potrebbe essere proprio Tuareg per discostarsi dalla Capo Nord con la quale non condividerebbe più neanche il propulsore, il precedente V2 di derivazione Rotax è infatti ormai uscito definitivamente dalla gamma Aprilia per far posto al nuovo V2 progettato interamente all’interno del Gruppo e realizzato negli stabilimenti di Pontedera.

Propulsore che sfrutta gran parte del basamento della Dorsoduro 750 (ampliamente sovradimensionato per questa moto proprio perché pensato come base “modulare” per futuri sviluppi) sarà proprio quello della nuova Dorsoduro che partendo da quello di più piccola cilindrata vede l’arrivo di un radiatore dell’olio e di una diversa disposizione dei cilindri con quello anteriore più a destra e quello posteriore più a sinistra (con schema quindi opposto rispetto a quanto visto sul 750).

Aprilia Tuareg
Aprilia Tuareg
Aprilia Tuareg
Aprilia SXV Dakar

Questo nuovo motore da 1200 che verrà installato anche sulla nuova Tuareg sembra garantire prestazioni al top con grande facilità e affidabilità, poiché secondo le dichiarazioni dei tecnici di Noale i 130CV della Dorsoduro sono stati ottenuti mantenendo bassa la potenza e cercando di privilegiare al massimo la coppia e il tiro ai bassi regimi. La nuova enduro Aprilia quindi si confronterebbe con la diretta concorrenza da 1.200cc (BMW GS e Yamaha Ténéré in primis) potendo contare su ottime prestazioni.

Dal punto di vista estetico si auspica una veste moderna e frizzante fuoriuscita dalla magica penna del designer Galluzzi, mentre dal punto di vista dinamico si punterà al massimo sulla stabilità e il comfort, per assecondare al meglio la vocazione prettamente turistica di questo tipo di moto. Non resta che sperare che il progetto Aprilia sia già in fase di avanzato sviluppo e che presto potremmo così osservare dal vero questa nuova endurona totalmente Made in Italy.

La vitalità del gruppo in questo periodo è sottolineata oltre che dalla Dorsoduro 1.200 anche dalla imminente presentazione in veste definitiva della tanto attesa Tuono V4, la naked da 1.000cc di derivazione RSV4, che si propone di fissare nuovi riferimenti nel segmento delle nude di grande cilindrata, magari affiancata ad una piccola replica stradale della fantastica RXV 550 Rally, che ha stupito tutti con un bellissimo podio nell’ultima edizione della Dakar. Una bicilindrica leggera infatti potrebbe rappresentare la soluzione giusta per quanti cercano una enduro vera, in grado di assicurare guidabilità e divertimento di guida anche nel fuoristrada più impegnativo ma al contempo capace anche di fornire un minimo di comfort e buone prestazioni nell’uso turistico e ad ampio raggio.

Vota l'articolo:
3.88 su 5.00 basato su 8 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO