BMW K100 “Nightcrawler” by Crooked Motorcycles

Prendendo spunto dall’iconico caccia “Stealth”, l’atelier bavarese sforna una spigolosa reinterpretazione della storica 4-cilindri dell’Elica

 

 

Anche se la sua produzione è terminata quasi 30 anni fa, la BMW K100 resta sempre una delle moto più popolari tra i customizers di tutto il mondo, forte di un’architettura tecnica semplice e affidabile che hanno le ha consentito di essere rivista “in tutte le salse” a varie latitudini, ma c’è sempre qualcuno che trova il modo riproporla in vesti ancora inedite.

E’ questo il caso della “Nightcrawler”, special firmata dalla bavarese Crooked Motorcycles ed ispirata allo storico Lockheed F-117 Nighthawk, il primo caccia stealth americano. Realizzata sulla base di una K100 del 1986, questa moto si fa notare soprattutto per il suo affascinante serbatoio, sapientemente sagomato da affilati poligoni per ricreare l’impatto visivo del velivolo a cui si richiama.

 

Per raggiungere tale risultato, Crooked Motorcycles ha fatto ampio ricorso al lavoro di squadra: il modello 3D (quasi un origami) del serbatoio della “Nightcrawler” è stato creato dal designer specializzato Ivan Lit, il cruciale lavoro di saldatura dell’unità in acciaio laminato a freddo DC01 è stato fatto da Fred Flitzefuß e l’impeccabile verniciatura è opera di Big Chief.

Il motore BMW è stato invece inviato prima a SW Motorradtechnik per una revisione completa e poi a Buschkönig Powdering per un trattamento di sabbiatura e verniciatura a polvere nera che ne ha ringalluzzito anche l’aspetto esteriore.

 

Tornato nell’officina di Crooked Motorcycles, il propulsore è stato dotato di più prestanti filtri aria DNA e della trasmissione di una BMW K1100, modello dal quale è stato “prelevato” anche il forcellone posteriore della “Nightcrawler”. Il sistema di scarico sfrutta i collettori originali, opportunamente riverniciati, per sfociare in un leggerissimo terminale SPX Carbon della tedesca Cobra Exhaust con dB-killer estraibile. Tutto nuovo anche il cablaggio, con una nuova e minuscola batteria protetta da uno scudo termico in fibra di carbonio.

Il manubrio è fornito da TRW e incornicia un faro full-LED della J.W. Speaker mentre dal catalogo motogadget sono stati estratti comandi, strumentazione, indicatori di direzione, manopole, specchietti e  blocchetto d’accensione. Le leve sono invece di Magura.

 

Tutte le sospensioni sono griffate Wilbers – nel dettaglio, una forcella 46RR con piastre di sterzo realizzate per l’occasione e ammortizzatori Adjustline 632. Il telaietto posteriore è stato realizzato internamente da Crooked Motorcycles ed è completato da una sella  personalizzata dalla svizzera Sattlerei dello specialista Yves Knobel.

La BMW K100 “Nightcrawler” è certamente indicativa della maestria di Crooked Motorcycles nel rivisitare le moto bavaresi: visitate il loro sito web ufficiale per osservare le loro opere più riuscite.

I Video di Motoblog