Covid bike: la bici per il distanziamento sociale

Il "metro" imposto dal Governo per combattere la diffusione del Coronavirus, è rispettato grazie ad un telaio sproporzionato, capace di tenere alla giusta distanza il passeggero, posto sul sellino posteriore, dal conducente, sul sellino anteriore

Direttamente dall'India, arriva la Covid Bike: una bici a motore, realizzata da un scaltro meccanico con l'intento di trovare quell'escomotage che gli consentisse di effettuare degli spostamenti, anche in compagnia, pur rispettando la fondamentale distanza sociale.

E infatti, il "metro" imposto dal Governo indiano (ma non solo) per combattere la diffusione del Coronavirus, è rispettato grazie ad un telaio sproporzionato, capace di tenere alla giusta distanza il passeggero, posto sul sellino posteriore, dal conducente, sul sellino anteriore.

Inoltre, fattore non meno importante, è l'adozione di un propulsore elettrico che accompagna la pedalata. Niente tradizionale motore a scoppio, dunque, per accompagnare la figlia a scuola.

L'iniziativa sta riscuotendo un grosso successo sui social e Partha Saha, questo il nome del meccanico di Aralia, spera di riuscire ad ottenere un contributo dal programma Make in India, iniziativa del ministro Modi atta a favorire ed incoraggiare gli imprenditori indiani.

  • shares
  • Mail