Paolo Gagliardo, CEO di Qooder: "Ripartenza fondamentale per tutto il settore"

Il n.1 del marchio svizzero Qooder sottolinea l'importanza di riaprire quanto prima per far ripartire l'intero comparto automotive

“I veicoli a due, tre e quattro ruote avranno un ruolo strategico per la ripartenza del Paese al termine del lockdown, perché consentiranno di raggiungere i luoghi di interesse garantendo il distanziamento sociale, cosa che nei centri urbani, in particolare, bisogna prediligere". Sono le parole di Paolo Gagliardo, CEO di Qooder, il quale sottolinea quanto sia importante in quella che sta per diventare la Fase 2 l'utilizzo dei commuters urbani per poter in qualche modo ritornare a muoversi rispettando comunque i criteri finalizzati alla lotta al Coronavirus.

"Per questo – continua Gagliardo – ci auguriamo che ci sia anche una riapertura immediata delle imprese del settore, le quali hanno subito gravi danni a causa della chiusura del mercato. Purtroppo, gli effetti del lockdown hanno colpito duramente il mercato dell'automotive, in particolare le due, tre e quattro ruote con una riduzione delle vendite nel mese di marzo pari al 66% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente".

Poi il CEO del marchio Qooder – che negli ultimi anni ha visto il suo fatturato crescere in modo esponenziale – si sofferma sugli aspetti legati alle dinamiche del mercato: "Il periodo primaverile ed estivo è quello più importante per le vendite, pertanto siamo in grande difficoltà e corriamo il rischio di non riuscire a recuperare le perdite economiche subite. In tal senso, è opportuno far ripartire l’export, la rete dei concessionari anche a livello locale e consentire al mercato internazionale di riaprire, tenendo conto scrupolosamente delle misure di sicurezza per tutelare la salute di tutti i lavoratori del settore.”

  • shares
  • Mail