Qooder, Poste Italiane sonda il terreno provando i nuovi veicoli elettrici a Vallelunga

I veicoli a tre e a quattro ruote dell'azienda svizzera potrebbero entrare nella flotta di Poste Italiane

Gli autisti di Poste Italiane hanno provato sul circuito di Vallelunga i nuovi veicoli dell'azienda svizzera Qooder per testarne l'efficacia e le performance in vista di un possibile utilizzo dei veicoli a tre e a quattro ruote elettrici nella propria flotta. D'altronde quella dell'azienda svizzera diventerà, a breve, la più vasta gamma di scooter elettrici al mondo, con tre modelli inediti alimentati a batteria che si inquadrano nella più ampia strategia “Advanced Mobility Solutions”.

I nuovi modelli elettrici


Gli attesi scooter a batteria sono il quattro ruote eQooder, il tre ruote QVe e l’Oxygen, una novità assoluta nell’intero panorama del settore. Questi sono i veicoli elettrici più potenti della propria categoria: 60 Cv per l'eQooder e 46 Cv per il QVe con punti di coppia da record (rispettivamente 110 e 106 Nm). Senza contare l'enorme lavoro fatto sul peso, visto che sulla bilancia c'è poca differenza fra i modelli termici e quelli a batteria: appena un 5% in più per eQooder e un 3% per quanto riguarda il QVe, ma la potenza del motore è praticamente doppia. Su tutti e due i modelli debuttano poi la retromarcia e la frenata rigenerativa, mentre per quanto riguarda l’autonomia ci sono 150 km per l'eQooder e 110 per l’QVe.

Poste Italiane punta sull'efficienza


Da qui l'interesse per la flotta di Poste Italiane. Una flotta importante, perché composta da 32.500 tra automezzi, motomezzi, furgoni e veicoli di servizio: è la flotta più grande d'Italia e tra le più grandi d'Europa. Per il rinnovo del suo parco auto, l'azienda ha adottato una nuova politica di sostenibilità ambientale. E qui il settore automotive gioca una partita fondamentale: in ballo c'è il miglioramento dell’efficienza energetica e la riduzione dell'impatto sull’ambiente. L'obiettivo di Poste Italiane è quello di ridurre del 40% le emissioni di CO2 entro il 2022.

  • shares
  • Mail