Alex Marquez è iridato in Moto2: "Come un sogno"

Il 23enne spagnolo si laurea finalmente Campione del Mondo 2019 della classe cadetta a Sepang: "Gara dura, ma gestita nel migliore dei modi"

Grazie al secondo posto conquistato oggi nel GP di Malesia, lo spagnolo Alex Marquez (EG 0,0 Marc VDS Racing) si è finalmente laureato Campione del Mondo 2019 della classe Moto2, titolo che appariva saldamente nelle sue mani già qualche round ma che solo il risultato di oggi ha definitivamente certificato anche dal punto di vista matematico.

Dopo aver conquistato la pole position nelle qualifiche di ieri, il 23enne di Cervera - fratello del più celebre Marc che si è già confermato iridato in MotoGP - è stato autore oggi di una strategia di gara guardinga in cui non ha mai perso di vista il "bersaglio grosso", lasciando scappare verso la vittoria il più veloce Brad Binder (Red Bull KTM Ajo) e controllando alle sue spalle lo svizzero Thomas Luthi (Dynavolt Intact GP) suo principale rivale per la corona della "middle class", poi terzo sul traguardo.

Una volta sceso dal podio del Sepang International Circuit, per Alex Marquez è arrivato il momento dei ringraziamenti "di rito":

"Sono felicissimo per questo titolo e, soprattutto, sono grato alla squadra: hanno fatto un lavoro straordinario, mi hanno dato tanta fiducia per tutta la stagione e, in mpdp particolare, in questo fine settimana. D'altronde siamo arrivati qui dopo alcune gare abbastanza difficili per me, nelle quali avevi faticato molto. Anche oggi è stata una gara davvero dura, ma l'abbiamo gestita nel migliore dei modi."

"Sin dal primo giro, l'avantreno è stato difficile da controllare perché c'era poco grip, ma ho gestito la pressione che Luthi mi metteva da dietro nel migliore dei modi. Lui ha spinto parecchio, ma anche noi abbiamo fatto una grande gara. Mi sento come se stessi vivendo un sogno e ora voglio solo godermi questo momento con la mia squadra."

  • shares
  • Mail