Argentina, Rea esulta: "Weekend davvero positivo"

"Bottino pieno" per il pluri-iridato della Kawasaki nella domenica della Superbike in Argentina: "Mi sono sentito davvero forte in moto..."

Il riconfermato Campione del Mondo della Superbike Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha dominato la giornata conclusiva del round di Argentina conquistando due volte il gradino più alto del podio iridato, nella Superpole-Race di 10 giri prima e sulla "distanza piena" delle 21 tornate di Gara-2 poi.

Dopo il secondo posto alle spalle di Alvaro Bautista (Aruba.it Ducati) nella Gara-1 del sabato - a cui non avevano partecipato 6 piloti per timori sulla sicurezza del tracciato - il fuoriclasse nord-irlandese della Kawasaki ha sfruttao le condizioni più fresche del tracciato di San Juan Villicum per riaffermare subito la sua egemonia sul campionato, raggiungendo quota 601 punti in classifica e arrivando a quota 85 vittorie complessive in carriera.

Nella Superpole-Race, Rea ha comandato le operazioni dall'inizio alla fine, allungando inesorabilmente sulla concorrenza per vincere di oltre 2" su Bautista e oltre 3"5 su Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing), apparentemente grazie a un cambio di assetto della sua Ninja ZX-10RR apportato nella notte:

"È stato un weekend davvero positivo, in particolare la Superpole Race, in cui mi sono sentito davvero forte in moto nelle condizioni di maggior fresco. Il livello di grip era davvero alto, quindi sono stato in grado di spingere e poi gestire la corsa. Il feeling della pista, tutto sommato, è stato abbastanza normale."

"Abbiamo apportato qualche importante modifica durante la notte, in particolare sull'avantreno, solo per guadagnare un po' più di sicurezza in frenata e stabilizzare la moto. Questo mi ha permesso di essere molto più veloce in ingresso curva."

Il copione di Gara-2 non è stato troppo diverso, con Rea inizialmente coinvolto in una lotta con Bautista ma poi in grado di "prendere il largo" verso il suo 14° successo in stagione davanti a Chaz Davies (Aruba.it Ducati) e di nuovo Razgatlioglu:

"Sapevamo che Alvaro era uno dei piloti più in forma in pista e che per lottare con lui avrei dovuto essere davvero forte, specialmente in frenata e anche in percorrenza."

"Voglio fare i miei complimenti ai ragazzi del team perché ci siamo inventati un set-up davvero buono rispetto a sabato: ieri ho fatto troppi errori in gara e questo ha dato ad Alvaro troppo respiro, quindi adesso sono davvero felice di aver vinto entrambe le gare di oggi".

  • shares
  • Mail