Honda VFR 'Swamp Rat'

Honda VFR \\\'Swamp Rat\\\'

Le Rat Bikes sono un genere a sè stante di motociclette, su questo non ci sono dubbi, ed è esattamente per questo motivo che i canoni di 'bellezza' tramite i quali andrebbero giudicate sono per così dire 'differenti' rispetto a tutte le altre categorie di moto. Naturalmente c'è chi disprezza l'intera 'razza' facendo di tutta l'erba un fascio - liquidandola magari con il semplice appellativo di 'rottami' - ma esistano anche diversi estimatori di questo genere, che sanno apprezzarne i tratti grezzi e quel feeling da 'post-guerra atomica' tipico di certi film sci-fi quali 'Blade Runner', 'Terminator', '1997 - Fuga da New York' o l'ultimo 'Matrix'.

Non si può nemmeno negare che la trascuratezza e negligenza di certi motociclisti nei confronti del proprio mezzo a volte trasforma in Rat Bikes anche delle moto che in realtà non dovrebbero esserlo, ma questo non è certamente il caso della moto che andiamo a presentare oggi, il cui look 'trasandato' deriva in realtà da una consapavole scelta del proprietario: si chiama 'Swamp Rat' (letteralmente 'Ratto di Palude') ed è una rivisitazione in chiave 'Rat' - appunto - di una vecchia Honda VFR.

Honda VFR \\\'Swamp Rat\\\'
Honda VFR \\\'Swamp Rat\\\'
Honda VFR \\\'Swamp Rat\\\'

Fotografata davanti al celebre Ace Cafe di Londra, questa 'Swamp Rat' si presenta con un look ruvido 'tutto ruggine e saldature' che la qualificano da subito come Rat Bike di primo livello. Cerchi, strumentazione, leve, manubrio, in pratica non c'è nulla su questa moto che possa dare una qualunque sensazione di modernità. Il tutto è poi 'impreziosito' (per così dire...) da una sella dall'aspetto piuttosto rozzo, dalla coda bruscamente 'mozzata' e dal nome orgoglisamente ostentato sulle 'lamiere laterali'.

La 'Swamp Rat' è una moto volutamente cruda e minimale, non adatta a tutti i palati, ma questa sua attitudine provocatoria è comunque un'aspetto assolutamente fondamentale e irrinunciabile della cultura delle 'Rat Bikes' da cui è stata generata. De gustibus non est disputandum ...

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: