La Suzuki GSX-R1000 al Parco Valentino per il Salone di Torino

Per lanciare la nuova quattro ruote Swift Sport al Salone dell'Auto di Torino Suzuki porterà una GSX-R1000 e un motore nautico fuoribordo DF350A al Parco Valentino.


suzuki-gsx-r1000r-8.jpg
Da domani 6 giugno e fino al 10 gli amanti della casa di Hamamatsu potranno ammirare al Parco Valentino, in occasione della quarta edizione del Salone dell'Auto di Torino, un tris di motori da ben 692 CV in totale.

Suzuki, infatti, per lanciare la nuova Swift Sport da 140 cavalli porterà anche una GSX-R1000 da 202 CV e un motore fuoribordo da nautica DF350A da 350 cavalli. A margine, anche una Suzuki Ignis Hybrid.

I circa 700 mila visitatori previsti troveranno una GSX-R1000 con livrea BeeRacing, la stessa "indossata" dalla nuova Swift al debutto.

I dettagli grafici della supersportiva a due ruote saranno ispirati alle linee delle GSX-RR ufficiali del Team ECSTAR, lo stesso con cui Andrea Iannone e Alex Rins corrono in MotoGP. La GSX-R1000, in versione monosella, avrà anche uno scarico slip-on full titanium, con fondello in carbonio, realizzato in esclusiva da SC PROJECT.

Suzuki porterà questi 692 CV per simboleggiare il connubio (su due e quattro ruote, ma anche in mare) tra potenza e maneggevolezza. La GSX-R1000, infatti, nasce proprio come moto da sport ma godibile nella guida di tutti i giorni grazie a soluzioni che aiutano il pilota a guidare sulle normali strade urbane ed extraurbane.

Il Low RPM Assist, ad esempio, impedisce al motore di scendere troppo di giri allo stacco della frizione nelle partenze e rende più fluida la marcia alle basse velocità tipiche del traffico cittadino. Il Suzuki Easy Start System, invece, avvia il motore con la sola pressione del pulsante di start.

Il tutto su una moto che, comunque, eroga 202 cavalli di potenza e 117,6 Nm di coppia, mantenendo una buona erogazione ai bassi regimi, mentre la fasatura variabile delle valvole SR-VVT deriva direttamente dalla GSX-RR ufficiale da gara e aumenta l'elasticità del motore che mantiene un ottimo allungo agli alti giri con un tiro sostanzioso lungo tutta la curva di erogazione.

Da non dimenticare, infine, che il pilota della GSX-R1000 ha sempre a disposizione le tre modalità di guida impostabili tramite il Suzuki Drive Mode Selector, per cambiare faccia all'erogazione del motore ogni volta ne abbia bisogno. Inoltre può regolare il Motion Track TCS (Traction Control System) su 10 livelli.

Queste caratteristiche, unite a dimensioni del telaio compatte del telaio e peso di 202 chili a secco, rendono la GSX-R1000 una sportiva incredibilmente stabile e piacevole da guidare in ogni situazione.

  • shares
  • Mail