EP-1: dall'India con furore

La EP-1 è equipaggiata con una batteria ad unità raffreddata a liquido composta da celle Samsung.


La start-up indiana Mankame Automotive lancerà, per ora solo sul mercato locale, una moto a emissioni zero con un'autonomia di circa 500 Km. Dotata di un motore elettrico in grado di erogare una potenza massima di 54 cavalli a 8.000 giri e una coppia massima di 120 Nm, la moto può raggiungere una velocità massima di ben 250 Km/h, prestazioni di tutto rispetto per una due ruote eco-friendly.

La EP-1 è equipaggiata con una batteria ad unità raffreddata a liquido composta da celle Samsung controllata da un sistema di gestione elettronica sviluppato in casa dalla società indiana. Il peso della moto è di 180 Kg, solo 80 Kg l'intero gruppo di alimentazione. La moto dispone anche di un software proprietario per gestire l'ABS e i controlli di trazione. Telaio a traliccio in acciaio, impianto frenante Brembo, forcelle invertite Ohlins completamente regolabili, mentre al posteriore sarà possibiledi scegliere tra un ammortizzatore Showa o un Ohlins TTX.

Per ora si parla solo di test virtuali realizzati in laboratorio in condizioni reali simulate attraverso modelli computerizzati, test accurati fino al 95% per l'esattezza, come dichiarato dalla casa indiana. Il 1° luglio partirà la campagna di crowdfunding su Indiegogo per realizzare il primo prototipo per poi dare il via alla produzione di serie a partire dal 2022. Tre le potenze per ora previste: 16 Kw, 20 Kw e 40 Kw al prezzo rispettivamente di 8.500 dollari, 10.500 dollari e 13.000 dollari per la versione più performante.

  • shares
  • Mail