Moto2: infortunio più serio del previsto, stagione finita per Luthi

Lo svizzero ha una frattura alla caviglia: operazione con inserimento di due viti e stop di sei settimane

luthi-motogp.jpg

Che l'infortunio di Thomas Luthi non fosse di poco conto lo si era intuito fin dal primissimo momento. Quell'High side in uscita della curva due che lo aveva fatto girare come una trottola aveva decretato la fine delle velleità di titolo mondiale per lo svizzero, già campione del mondo dell'allora classe 125cc nel lontano 2005.

Thomas, dichiarato unfit per la gara, aveva lasciato il titolo dunque a Franco Morbidelli, congratulandosi con il rivale italiano con un piede fasciato e delle stampelle. Sembrava comunque una situazione risolvibile in poche settimane, due al massimo, tanto da pensare di rivederlo in occasione della chiusura di Valencia, ed invece così non sarà. Anzi, Luthi, che il prossimo anno sarà compagno di squadra proprio di Morbidelli in MotoGP, dovrà attendere prima di salire in sella ad una moto della classe regina.

In seguito ad ulteriori analisi infatti, lo svizzero ha ricevuto una notizia non piacevole: frattura della caviglia. Dunque si è reso indispensabile un intervento chirurgico in quel di Münsingen con l'inserimento di due viti di sostegno. Tempo di riposo? Sei settimane.

Per lo svizzero dunque, il sogno di poter salire su una MotoGP è rinviato al 2018, quando arriveranno i test di fine gennaio a Sepang.

thomas-luthi-2017-moto2.jpg

  • shares
  • Mail