The Black Douglas Motorcycle presenta la gamma Sterling 2017

Vengono costruite in provincia di Milano ma hanno un’estetica rétro in stile british anni Venti le Sterling Autocycle della Black Douglas Motorcycle Company.

Attiva dal 2011 nella provincia di Milano, The Black Douglas Motorcycle Company per il 2017 cambia logo, caratterizzato dallo scudo con un leone stilizzato, ma non le sue origini e le peculiarità come la costruzione artigianale. The Black Douglas è una Company tutta italiana, seppure lo stile possa richiamare alla memoria casate e nobiltà di origine inglese. Non a caso Black Douglas era il soprannome di James Douglas, condottiero scozzese che prese parte alla Guerre di indipendenza scozzesi a cavallo tra XIII e XIV secolo.

Già nel 2012 aveva presentato la sua gamma di moto, costruite a mano in serie limitata con la garanzia e il servizio di una Casa motociclistica e contraddistinte da una particolare cura dei dettagli, componentistica di qualità e linee rétro, alle quali si abbina un motore moderno e affidabile, come testimoniato anche dalla Milan to Birmingham Expedition del 2014, che ha visto una Sterling percorrere oltre 1.000 miglia, evocando le imprese dei pionieri a due ruote dei primi decenni del secolo scorso.

A rendere inconfondibile la gamma moto firmata The Black Douglas, che prende il nome di Sterling Autocycle, è lo stile british minimalista ed elegante tipico dei modelli sottocanna anni Venti, richiamato dal serbatoio da 9 litri realizzato con lamiere di lega di alluminio e magnesio saldate a mano.

04_black_douglas_sterling_autocycle_2017.jpg

Il telaio rigido che sostiene la moto è un tubolare in acciaio, doppio trave sovrapposto a culla aperta. Il cablaggio elettrico è posizionato all’interno del manubrio e della cassettina in tinta, accorgimento atto a mantenere la pulizia delle linee. La sospensione anteriore è di tipo Girder con al centro monoammortizzatore idraulico, costruita con componenti dal pieno in Ergal.

La Sterling Autocycle è spinta da un monocilindrico 4 tempi raffreddato ad aria con distribuzione 2 valvole ad aste e bilancieri, abbinato al cambio a 5 rapporti. La gamma 2017 offre due motorizzazioni: una 125 in grado di erogare 12,75 CV di potenza a 7.500 giri e 15 Nm di coppia a 5.500 giri, e una 250 con 15,65 CV a 7.000 giri e 21 Nm a 5.500 giri, che sostituisce la 230 della gamma 2016.

Due motorizzazioni omologate Euro 4 in grado di offrire il piacere di guida e le sensazioni di una moto d’epoca, unite all’affidabilità di un moderno monocilindrico dai consumi contenuti, con percorrenze superiori ai 30 km/l dichiarati e un’autonomia di oltre 270 km. Anche l’impianto frenante coniuga antico e moderno, con due classici tamburi abbinati però al sistema ABS per la 250 e alla frenata combinata CBS per la 125.

08_black_douglas_sterling_autocycle_2017_advertising.jpg

Il peso complessivo ridotto, le quote geometriche e il baricentro alto rendono il mezzo particolarmente agile, preciso nell’inserimento in curva e snello. La Sterling Autocycle misura infatti 2.180 mm di lunghezza e 830 mm di altezza per poco più di 100 kg di peso. Dotata di omologazione per passeggero opzionale è in grado quindi di ospitare comodamente due persone.

La gamma Sterling Autocycle 2017 offre una versione base denominata Sterling Countryman Deluxe che può essere personalizzata con moltissimi accessori e verniciature fatte a mano. Secondo richiesta e in accordo con la casa madre per mantenere intatto il gusto originale della moto, è possibile scegliere tra una vasta gamma di colorazioni per carrozzeria ed elementi annessi tra i quali clacson, faro, ruote e impianto di scarico; anche la selleria offre molteplici alternative.

Nell’ottica di un uso quotidiano, si aggiunge un robusto portapacchi posteriore, su cui è possibile montare la sella per il passeggero, un cesto in vimini, borse laterali morbide in tela con finiture in pelle o borse rigide rivestite in pelle con serratura.

07_black_douglas_sterling_autocycle_2017.jpg

Il prezzo al pubblico in Italia franco concessionario Iva inclusa parte da 9.990 euro per la versione 125 e da 11.790 per la 250. Per le versioni biposto occorre aggiungere 200 euro per l’omologazione e il kit passeggero che comprende sella posteriore abbinata e pedane, al costo di 395 euro per la versione in pelle e di 450 euro per quella in pelle anticata.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale e sulla pagina facebook dell’azienda.

  • shares
  • Mail