Test Moto3/Moto2 Jerez: il commento dei piloti

I tempi della giornata di ieri rimangono quelli rilevanti: Baldassarri secondo dietro Nakagami, poi Marini e Morbidelli. Oggi, solo pochissimi piloti in pista con le rain

Se nel primo giorno di prove, non avevamo potuto fare a meno di elogiare le prestazioni e le performance dei nostri alfieri in quel di Jerez, oggi l'unico fenomeno è stato quello...atmosferico. Un forte vento di Scirocco proveniente infatti dall'Africa, dal Sahara è giunto in quel di Jerez, cittadina posta proprio nel sud della Spagna, portando con se pioggia, sabbia e polvere. Insomma, un bel pastrocchio.

In tanti dunque sono rimasti tranquilli nel proprio box, tanto che gli unici piloti ad essere scesi in pista sono stati Francesco Bagnaia e Iker Lecuona in Moto2, mentre in Moto3 sono scesi i due alfieri del team Sniper Danilo e Fenati, oltre a Oettl ed al duo SKY VR46 Bulega e Migno.

bagnaia.jpg

Va da se sottolineare come i tempi non siano stati assolutamente rilevanti, tanto più che i pochi giri effettuati sono stati fatti con le gomme rain. Tanto per chiudere la giornata, in Moto2 è stato proprio Lecuona il migliore. L'alfiere del team CarXpert ha chiuso in 1'59.635 la giornata, poco più di tre decimi meglio di Bagnaia.

In Moto3 "best lap" di Danilo in 2'01.506 davanti a Fenati, Oettl, Bulega e Migno.

Il commento dei piloti Moto3


Nicolò Bulega

:

“Chiudiamo nel migliore dei modi questi primi due test della stagione 2017. Sono stato veloce e competitivo sia a Valencia che a Jerez, una pista molto impegnativa, una bella iniezione di fiducia in vista dei prossimi impegni ufficiali. Tra un test e l'altro, abbiamo fatto un importante step in avanti, soprattutto sul feeling alla guida, e ieri sono riuscito a spingere. Abbiamo ancora molto da fare, ma spero di continuare in questa direzione”.

Andrea Migno:

"Sono molto soddisfatto del tipo di approccio che abbiamo avuto in questi primi test. Rispetto allo scorso anno, ho faticato meno nel riprendere feeling con la moto e sono riuscito ad essere subito a ridosso dei primi. Sarà importante continuare a crescere passo dopo passo per riuscire ad esprimersi al meglio già dalla prima gara in Qatar".

Romano Fenati:

"Ieri è stata sicuramente una giornata positiva perché, come ci eravamo prefissati, siamo riusciti a migliorare il feeling con la moto e a lavorare bene. Oggi la pista era impraticabile e, purtroppo, abbiamo potuto effettuare solo pochi giri. Continueremo il lavoro nei prossimi test ufficiali".

Jules Danilo:

"Ieri abbiamo lavorato molto provando tante cose. Sto lavorando per recuperare fiducia nella moto che è fondamentale per andare forte. Questa mattina la pista era molto sporca ed era davvero difficile girare. Nel pomeriggio, con la pioggia, sono uscito per provare un paio di modifiche al posteriore e per capire come continuare il lavoro nei prossimi test IRTA".

Jorge Martin:

“In questi test abbiamo potuto sfruttare soltanto una giornata in pista, ma siamo comunque riusciti a svolgere un ottimo lavoro! Credo sia stato fatto un grande passo in avanti rispetto ai precedenti test di Valencia, perché ho ricavato migliori sensazioni soprattutto nella fase di accelerazione; in generale sono soddisfatto del comportamento del telaio, mi sono adattato bene alla moto e ora riesco a guidarla facilmente. Penso che ci presenteremo ben preparati ai test ufficiali previsti sempre qui a Jerez a inizio marzo!”.

Il commento dei piloti Moto2


Francesco Bagnaia

:

"Ieri è stata una giornata molta positiva, ho fatto 91 giri e sono riuscito a provare nuove soluzioni per avere una base da cui partire al prossimo test IRTA. Siamo sulla strada giusta, abbiamo fatto dei buoni passi in avanti, soprattutto alla guida, e sono riuscito a capire meglio la nuova moto. Oggi purtroppo il meteo non è stato favorevole, le condizioni della pista erano particolari, siamo riusciti a fare solo 20 giri, ma anche il feeling sul bagnato è positivo. In vista del Qatar l'obiettivo è fare quanti più chilometri possibili, provando già ai prossimi test una simulazione di gara”.

Stefano Manzi:

“Dispiace aver perso questa occasione di scendere in pista proprio a ridosso dei test ufficiali. Purtroppo l’infortunio al ginocchio mi ha costretto a saltare questo appuntamento. Domenica scorsa, a Valencia, ho perso il controllo dell'avantreno alla curva 3 e sono caduto. E' solo una distorsione, ma ho preferito tornare in Italia il prima possibile per fare ulteriori accertamenti e concentrarmi sulla riabilitazione. Tornerò in pista per il primo test ufficiale”.

Lorenzo Baldassarri:

“Sono veramente felice di come è andata la prima giornata di Test qui a Jerez. Rispetto a due giorni fa a Valencia, il feeling con la moto è già migliorato e mi sto abituando sempre più alla mia nuova Kalex. Mercoledì ho provato ancora la versione 2016 per fare una comparazione tra le due moto e questo ha reso chiaro il fatto che stiamo procedendo nella giusta direzione. Il secondo giorno è stato davvero un peccato non poter girare, dato che in programma c’erano moltissime cose da provare, ma le difficili condizioni climatiche non ci hanno permesso di lavorare come avremmo desiderato. Per fortuna saremo di nuovo qui molto presto e non vediamo l’ora di continuare a lavorare sulle nostre moto.”

Luca Marini:

“Nel complesso la prima giornata è stata molto positiva, anche se abbiamo perso un po’ di tempo durante la mattinata a causa di alcuni piccoli disguidi. Nel pomeriggio sono riuscito a migliorare il mio record personale qui a Jerez, e di questo sono contento. Stiamo provando varie modifiche riguardo la messa a punto della moto, per raggiungere il nostro obiettivo che è quello di riuscire a capire al meglio il nostro materiale di questa stagione. Purtroppo nella giornata di giovedì non abbiamo avuto la possibilità di girare, ma con queste condizioni instabili è sempre un grande rischio ed è molto facile cadere. In ogni caso sono davvero contento di questo test. Ora sto già pensando a quando torneremo di nuovo qui a Jerez, con la speranza di migliorare ulteriormente.”

Jorge Navarro:

“La giornata di ieri è stata alquanto produttiva per noi: ho potuto proseguire il mio apprendistato e le mie sensazioni sono migliorate costantemente. Abbiamo effettuato diverse modifiche all’assetto nell’arco della giornata e credo che sia stata imboccata la strada giusta per adattare la moto al mio stile di guida. Ovviamente c’è ancora del margine, sia per quanto riguarda il livello del mio pilotaggio, sia sul fronte del lavoro da fare per adattare ancora di più il set-up della moto al mio stile, ma come detto la direzione è quella giusta. Non vedo l’ora di tornare in pista qui a Jerez per i test IRTA, anche perché oggi non abbiamo girato: la pista era molto sporca, dopodiché non ha piovuto a sufficienza per sfruttare le condizioni di bagnato, per cui abbiamo preferito non utilizzare la seconda giornata di test per poterla sfruttare in seguito nel corso della stagione. Adesso ho quasi due settimane di tempo per continuare a prepararmi fisicamente, in modo da arrivare nelle migliori condizioni all’appuntamento con i test ufficiali!”.

Test Moto3/Moto2: Bulega e Baldassarri protagonisti a Jerez


Non solo MotoGP o Superbike. I prototipi hanno chiuso le giornate di test a Phillip Island, lasciando spazio e posto al Mondiale delle derivate di serie che proprio in questo fine settimana inizierà il suo mondiale. Dall'altra parte del mondo però, nella cara vecchia Europa e, più precisamente a Jerez, la Moto2 e la Moto3 stanno affilando le armi in vista del primo round in Qatar. La buona notizia è che gli italiani dopo metà giornata sono protagonisti della classifica.

Estrella Galicia 0,0 Marc VDS' Italian rider Franco Morbidelli drives his motorcyle during the Moto2-class second free practice session at the Japanese Grand Prix in the Twin Ring Motegi circuit in Motegi on October 14, 2016. / AFP / TOSHIFUMI KITAMURA        (Photo credit should read TOSHIFUMI KITAMURA/AFP/Getty Images)

In Moto2 infatti, è Takaaki Nakagami il migliore dopo ben 43 passaggi al mattino e 70 in totale nella giornata. Il nipponico del team Honda Asia, è primo con il riferimento cronometrico di 1'42.210 ottenuto in mattinata, davanti ad un Lorenzo Baldassarri che, nel pomeriggio, è riuscito a risalire fino al secondo tempo, ad appena 82 millesimi dalla vetta. Sorrisi in Forward con Luca Marini ottimo terzo a due decimi dal suo team-mate.

Italia però che mostra tutta la sua competitività con un Franco Morbidelli quarto dopo la seconda piazza del mattino. L'alfiere del team Marc VDS accusa un ritardo di poco inferiore ai sei decimi, davanti a Danny Kent che sta ben sorprendendo con la Suter.

nicolo-bulega-valencia.jpg

Italia protagonista anche in Moto3. Nicolò Bulega ha infatti confermato la propria velocità, chiudendo la giornata in prima posizione. 1'46.912 il suo riferimento cronometrico, un paio di decimi oltre il record della pista. Seconda piazza per Oettl, davanti a Martin e Romano Fenati, a circa 3 decimi con la Honda del team Sniper. Dietro il pilota marchigiano ecco McPhee, Mir, Migno, Canet e Loi.

fenati-danilo-moto3-001.jpg

Classifica alle ore 14:30
classifica moto 2 moto 3

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail