Home Moto2, Morbidelli: “Sono pronto a lottare per qualcosa di importante”

Moto2, Morbidelli: “Sono pronto a lottare per qualcosa di importante”

Intervista Esclusiva all’italiano del Team Estrella Galicia 0,0 Marc VDS: “La competizione al Ranch è alta, l’agonismo alle stelle. E’ una sfida continua con tutti”


Scusami tantissimo se ti rispondo ora. Ho avuto un allenamento improvviso al Ranch senza preavviso. Possiamo fare domani?Franco Morbidelli è un ragazzo gentile. A modo direi. Che, a ben vedere, rispetto a quel luogo comune che li vuole brutti, sporchi e cattivi, cozza un pò.

Eppure provate a mettergli un casco e a fornirgli una moto, e si trasformerà. Già, perchè questo ragazzo romano di nascita, con sangue brasiliano tra le vene, trapiantato a Tavullia ha il dono della velocità. Non lo scopriamo certo oggi. Campione Superstock 600 nel 2013 con la Kawasaki, poi il salto tra i prototipi. Mica semplice, ma Franco ha dalla sua l’umiltà di chi vuole imparare senza strafare. Ci sono piloti che, lo vedi, sono tutto istinto. Lui evidentemente no. E’ uno graduale, che fa le cose per bene.

Ad ogni stagione un gradino in più. Prima con Italtrans, poi quest’anno il passaggio al Team Estrella Galicia 0,0 Marc VDS e, di conseguenza, quella pressione di dover marcare risultato. E, nonostante la nuova realtà, dal Sachsenring in poi, nell’ultima stagione, Franco Morbidelli è stato il grande mattatore della stagione. Peccato solo per la vittoria. Sfiorata, bramata, voluta, accarezzata, ma ancora non conquistata.

La crescita durante la stagione è stata un qualcosa di normale e fisiologico. Abbiamo migliorato sempre più, e alla fine eravamo più consistenti arrivando ad un ottimo livello. In seguito lo abbiamo mantenuto, cosa non semplice. Il punto è che abbiamo lavorato prima per arrivare a questo punto. E’ servito metà campionato per capirci: serviva tempo a me per conoscere loro ed a loro per conoscere me. Dovevamo affinare i metodi di lavoro. Da quel momento in poi siamo stati protagonisti.

L’inverno è periodo anche di allenamento e pit stop in ospedale per togliersi qualche vite. E Franco non è stato da meno:

Mi sono operato a Dicembre e da li è iniziata la riabilitazione. Dal 9 gennaio sto facendo palestra, finendo la riabilitazione e integrandoli con allenamenti vari. Sai, un pilota deve fare un po’ di tutto: cardio da un lato e forza dall’altro. Inoltre bisogna girare tanto in moto.

ALCANIZ, SPAIN - SEPTEMBER 24:Franco Morbidelli of Italy and Estrella Galicia 00 Marc VDS Racing Team    looks on in box during the qualifying practice during the MotoGP of Spain - Qualifying at Motorland Aragon Circuit on September 24, 2016 in Alcaniz, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Per Johann Zarco, Morbidelli è uno dei grandi favoriti. Ciò nonostante, conscio comunque della sua forza, cerca di mantenere i piedi ben saldi.

Sono lusingato di questo. Beh, secondo me si, o meglio, in base ai risultati della seconda metà di stagione si, mi sento tra i favoriti: posso lottare per posizioni importanti. Sono carico e pronto a lottare per qualcosa di importante, questo si.

Fa freddo a Tavullia, luogo dove Morbidelli si è trasferito per potersi allenare al meglio e integrarsi all’interno della Academy

L’allenamento al ranch una cosa bellissima e una integrazione a tutti gli allenamenti che facciamo qui. E’ importante, anzi, ti direi cehe è la cosa principale l’integrazione dei vari allenamenti. Vanno tutti forte, siamo tutti ragazzi che fanno il mondiale insieme. La competizione quindi è alta, l’agonismo alle stelle. E’ una sfida continua e tiene alta l’abitudine alla sfida che poi si ritrova in gara.

Il prossimo campionato vedrà diversi telaisti tornare in Moto2. Kalex è ovviamente la monopolista degli ultimi anni.

Kalex negli ultimi anni è stato nel complesso il telaio migliore. Ti dico “nel complesso” perchè magari in qualche pista si addice di più, non so, Speed Up. Nelle 18 gare però è Kalex il miglior telaio, è il più costante. Con Kalex ed i loro ragazzi poi lavoro bene, lavoriamo a stretto contatto. Ora vediamo il telaio 2017. Spero e mi auguro che vada bene, meglio ancora che il 2016.

Non poteva mancare una piccola provocazione finale: in una parola, perchè la Moto2 è formativa?

Perchè la Moto2 è formativa? In un nome: Marc Marquez, punto. (ride ndr). E’ abbastanza semplice come classe dal punto di vista tecnico, ma di conseguenza è molto formativa. E’ tutto uguale e fare la differenza è dura. Il pilota a livello di guida si forma molto. Stimola molto la capacità di guida. Si potrebbe discutere sulla spettacolarità per uno spettatore medio, ma non c’è nulla di più formativo per lo stile di guida.

ALCANIZ, SPAIN - SEPTEMBER 23:  Franco Morbidelli of Italy and Estrella Galicia 00 Marc VDS Racing Team rounds the bend during the MotoGP of Spain - Free Practice at Motorland Aragon Circuit on September 22, 2016 in Alcaniz, Spain.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Ultime notizie su Gare

Segui tutte le gare di moto con motosblog, dal Motogp al SBK con i nostri speciali in tempo reale, i commenti, le anticipazioni, le interviste dei piloti, le foto e le video per vedere e rivedere le gare da non perdere.

Tutto su Gare →