SBK, Phillip Island - Guintoli: "La pista si sposa bene con la Yamaha R1"

Buon potenziale per la moto di Iwata. Lowes: "L'adattamento alla nuova moto procede bene"

E se alla fine, tra Kawasaki e Ducati, spuntasse la Yamaha? I test di Phillip Island hanno mostrato la casa di Akashi sugli scudi con i migliori riferimenti cronometrici è vero, e con una Ducati che, in taluni frangenti, ha pensato più al passo con gomme usate che alla prestazione vera e propria, pur mettendo in mostra un poco di sofferenza quando le temperature si sono alzate.

Nel mezzo, ecco la casa di Iwata e la nuova R1, un progetto che - tra campionati nazionali ed endurance - sta girando da oramai un anno, e che sta mostrando un buon potenziale velocistico. D'altro canto si sa, nei test i tempi contano relativamente poco, ma il miglior riferimento nelle prove pomeridiane del secondo giorno (non assoluto), e, sopratutto, le dichiarazioni positive di Guintoli e Lowes, possono lasciar ipotizzare una Yamaha protagonista nel fine settimana prossimo in cui si inizierà a far sul serio.

"Due buoni giorni qui a Phillip Island. Un test costruttivo dove abbiamo provato tante soluzioni che stanno lavorando bene. Abbiamo concluso sempre più vicini ai leader. E' vero, ho avuto una piccola scivolata nel finale (alla curva due ndr) ma nulla di cui preoccuparsi" ha detto l'ex campione del mondo francese
6.jpg
"Il ritmo era molto buono. Questa pista si adatta davvero bene al carattere della YZF-R1. La moto è fantastica qui con cambi di direzione e curve a lungo raggio. E' molto dolce ed efficace da guidare. Siamo pronti per correre!"

"Sto imparando molto qui a Phillip Island - ha aggiunto Alex Lowes, terzo nel pomeriggio - c'è ancora molto da fare in moto, anche perchè devo adattarmi alla guida che pretende questa moto su questa pista, ma l'adattamento sta andando bene. Mi sono sentito meglio con il caldo del pomeriggio, ma questo rende difficile un'analisi più chiara, perchè il grip dell'asfalto ha un calo con queste temperature piuttosto accentuato.

Ci stiamo concentrando sul feeling sulla moto e stiamo precedendo come abbiamo fatto tutto l'inverno, passo dopo passo, senza esagerare, anche per non danneggiare la mia spalla. Sono felice qua perchè ho compiuto diversi giri senza sentire troppo dolore"
5.jpg

  • shares
  • Mail