Marc Coma lascia (in parte) la Dakar: “sarò il nuovo Sporting Director”

Marc Coma lascia l'attività agonistica: “sarò il nuovo Sporting Director della Dakar”

marc-coma-2015-dakar-rally.jpg

Marc Coma aveva anticipato il suo ritorno alla Dakar Rally per il 2016, chiunque, appassionati ed esperti del settore compresi, avevano pensato che fosse su una moto ed in particolare su una Ktm. Il famoso pilota di raid-really spagnolo però aveva bene altro in mente, una volta comunicato il suo ritiro dallo sport, ha iniziato a lavorare come Sporting Director per la Dakar Rally.

2015-dakar-28jpg

La notizia è stato un doppio choc per i tifosi, sia perché tutti attendevano di vedere Coma vincere il suo sesto Dakar Rally e sia perché tutti si aspettavano che una volta smesso di correre su una moto, come tutti i suoi ex-colleghi, lui iniziasse a correre su un’auto passando dalle due alle quattro ruote. “Questo nuovo incarico mi offre l’opportunità di sfruttare in ambito rally, tutto quello che la Dakar mi ha dato in questi anni”, racconta Marc sul sito della Dakar Rally riguardo al suo nuovo incarico.

2015-dakar-23jpg

“Da quanto ho iniziato, ho avuto la sensazione di essere in grado di guardare alla corsa da diverse angolazioni. Per me era arrivato il momento, lo sentivo. Il mio obiettivo ora è mettere tutte le mie energie per fare in modo che la Dakar rimanga il più grande rally al mondo e la mia filosofia è dare priorità al senso di avventura”.

dakar-2015-tappa-13-8jpg

Dopo 12 Dakar di cui cinque vinti, assieme a sei campionati del mondo, Coma ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che è giunto il momento per ritirarsi. “Ho voluto essere onesto con me stesso e con tutte le persone che mi hanno supportato per tutto questo lungo periodo e in questi anni. Intendo con i miei sponsor ed in particolare con Ktm, che ringrazio in modo particolare per avermi fatto sentire sempre a casa”.

dakar-2015-tappa-13-3jpg

Come nuovo direttore sportivo della Dakar, io avrò la possibilità di ridare alla corsa tutte le energie che mi ha dato in questo periodo. Un grazie a tutti i miei fans e ricordate, sempre: #ThrottleToTheDonkey!!”. Tra i nuovi compiti di Coma ci sarà quello di aiutare il Direttore della Dakar, Etienne Lavigne, nell’organizzazione e nella pianificazione dell’edizione 2016 di questa importante e rappresentativa gara. Il pilota inoltre si occuperà del tracciato e della sua fattibilità durante tutto l'arco dell'anno.

2015-dakar-30jpg

Per la corsa del Sud America questa svolta significa solo una cosa, l'affacciarsi all'orizzonte di una nuova generazione di piloti e una possibile fine del dominio Ktm, ma forse è ancora troppo presto per congedare il Team Arancio.

  • shares
  • Mail