MV Agusta Brutale 800 vs Lotus Exige S: la nostra sfida

L'eterna lotta due contro quattro ruote, continua oggi su Motoblog e Autoblog con la sfida in pista e su strada tra la MV Agusta Brutale 800 e la Lotus Exige S.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:37:"Scheda Tecnica Lotus Exige S Roadster";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:7327:"

Non possiamo certo negare che il fascino di una sfida tra bolidi su due e quattro ruote scateni in ogni appassionato di motori un interesse e una dose di adrenalina equiparabile e pochi altri spettacoli di questo genere.

Queste emozionanti sfide, affascinano anche chi (come noi) su questi bolidi lavora e vive quasi ogni giorno. L'eterna lotta tra due e quattro ruote, arbitrata dal Team di Autoblog e Motoblog, continua oggi con due mezzi che hanno fatto del loro rapporto peso/potenza il loro fiore all'occhiello.

Parliamo infatti della MV Agusta Brutale 800 (qui il nostro test completo) e della Lotus Exige S: potentissime, leggere, molto efficaci nella guida sportiva sia su strada che in pista! Loro le prescelte che abbiamo portato tra le campagne romane e tra i cordoli del circuito ISAM di Anagni.

In pista per noi Lorenzo Baroni (Lotus Exige S) ed Emanuele Freddo (MV Agusta Brutale 800), due tester che non si sono certo risparmiati nel dosare l'acceleratore regalandoci delle immagini spettacolari!

Le Sfidanti

La MV Agusta Brutale 800, come sappiamo, è spinta da un tre cilindri da 798 cc che sviluppa 125 cavalli (92 KW) con una coppia di 81 Nm (ovvero 8,25 Kgmn) a 8600 rpm. Il peso dichiarato in ordine di marcia si ferma sui 190 kg. Sospensioni Marzocchi/Sachs e impianto frenante interamente Brembo completano il corredo sportivo della naked italiana.

Per quanto riguarda l'elettronica, troviamo invece lo stesso pacchetto elettronico MVICS (Motor & Vehicle Integrated Control System) già visto sulla F3, con un TC dotato di 8 regolazioni (selezionabili anche in movimento grazie ad appositi pulsanti sul blocchetto sinistro) e una gestione motore forte di tre mappature (Normal, Sport e Rain), più una quarta totalmente personalizzabile dall'utente finale che, se vuole, può cucirsi letteralmente addosso il carattere del veemente TrePistoni.

La Exige S Roadster utilizza sospensioni dalla taratura appositamente sportiva ed è equipaggiata con il noto 3.5 lt V6 sovralimentato tramite compressore volumetrico e capace di erogare ben 350 CV e 400 Nm. Grazie e queste cifre, l'auto è capace di coprire lo 0-100 km/h in 4 secondi e lo 0-160 km/h in 8.5 secondi.

Di serie viene proposto il cambio manuale a 6 rapporti. Il peso? 1,182 kg, i quali - se associati alla potenza e alla coppia appena citate - lasciano immaginare la perenne spinta alla quale si è sottoposti una volta schiacciato il pedale dell'acceleratore.

La Sfida

Sia su strada che in pista, a malincuore per gli amanti delle due ruote, la dinamica di guida, l'agilità e la potenza del V6 di derivazione Lexus adottato dalla Lotus hanno permesso alla Exige S di uscire a testa alta dal confronto alla quale è stata sottoposta.

Si può facilmente dire che il comportamento è molto simile a quello di un kart, con uno sterzo preciso e diretto come pochi, una trazione pazzesca e un baricentro esageratamente basso che rende quest'auto una vera e propria arma tra i cordoli e il misto stretto delle strade di montagna.

Ogni piccola variazione dell'assetto viene trasmessa con precisione direttamente al volante. Sarà poi il pilota, attraverso una guida old-style, a tradurre il tutto in velocità e a limare i tempi sul giro dopo ogni passaggio sulla linea del traguardo.

C'è poi un altro aspetto molto importante che colpisce della piccola sportiva inglese: siamo di solito abituati ad associare a macchine così piccole e sportive, motori dotati di un'erogazione molto alta, ovvero cavalli e coppia che vengono sprigionati a terra dopo i 5.000 giri/minuto.

Sulla Exige S la storia è diversa: la sensazione è quella di un motore turbo diesel ma, ovviamente, ancora più potente! La Exige S spinge forte già da 1.800 giri/minuto per poi scatenarsi a circa 3.000 giri, con un notevole allungo che le consente di mantenere ottime performance anche nei tratti più veloci.

Vincono le quattro ruote questa nostro sfida di oggi, con un risultato comunque assolutamente da non trascurare da parte delle due ruote.

La Brutale 800 non ha deluso le nostre aspettative, specialmente su strada. In un circuito molto tecnico e non troppo veloce come l'ISAM di Anagni, la coppia e l'agilità dell'auto a confronto hanno permesso alla Lotus di vincere la sfida.

Best Lap

Lotus Exige S Roadster: 1.12.9
MV Agusta Brutale 800: 1.13.2

Ad ogni modo la Brutale ha saputo rivelare la sua efficacia grazie ad un assetto rigido e proteso in avanti. La risposta del mono sulle asperità stradali è secca ma non eccessivamente veloce, mentre la forcella si comporta esattamente all'opposto, con una prima parte decisamente meno sostenuta ma non eccessivamente cedevole.

In strada questo si traduce con un avantreno ben incline a seguire la linea e ad assorbire le piccole asperità o a tenere la corda, ma vuol dire anche un posteriore più nervoso e ballerino che certamente rende nella guida sporca. Per risultare davvero efficace suggeriamo un attento setup andando a cercare la giusta via di mezzo tra la taratura del comparto posteriore e quella dell'anteriore.

Il reparto frenante invece non mostra il fianco alle critiche con un impianto anteriore potente e finemente modulabile e con il posteriore che si rivela un onesto comprimario non eccessivamente potente ma che, se si insite fin dentro alla curva, diventa un pizzico incline al bloccaggio ed a far intervenire l'ABS Bosch.

Gli inserimenti i curva, anche grazie all'albero motore controrotante, rasentano la perfezione con un avantreno che sembra letteralmente calamitato dal punto di corda dove, una volta "preso", non resta che raddrizzare la moto e lasciare che la verve del Tre Pistoni esploda rispondendo alla rotazione del polso destro.

In pista poi, la Brutale 800 ha reagito bene, con un'anteriore che ha saputo trasmettere il giusto feeling anche quando abbiamo voluto esagerare forzando in piega. In pista si può esagerare a dovere col gas (con un pilota esperto alla guida) per mettere a dura prova il RbW e la gestione elettronica della potenza. Si apprezza poi tantissimo il cambio elettronico, molto preciso e veloce.

Una volta presa la mano risulta molto divertente anche giocare con le "svirgolate" in uscita di curva. Se invece cerchiamo il tempo sul giro, la Brutale allora si mette d'impegno e mantiene traiettorie precise e pulite, sopratutto in percorrenza, grazie ad una giusta distribuzione del peso.

";i:2;s:3320:"

Scheda Tecnica Lotus Exige S Roadster

Cilindrata cm3 3456
No cilindri e disposizione 6 a V di 60°
Potenza massima kW (CV)/giri 258 (351)/7000
Coppia max Nm/giri 400/4500
Emissione di CO2 grammi/km 236
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
Lunghezza/larghezza/altezza cm 407/180/115
Passo cm 237
Peso in ordine di marcia kg 1091
Capacità bagagliaio litri 112
Pneumatici (di serie) 205/45 R 17 ant; 265/35 R 18 post.

Scheda Tecnica MV Agusta Brutale 800

MOTORE
DISPOSIZIONE: Tre cilindri, 4 tempi, 12 valvole
DISTRIBUZIONE: Doppio albero a camme in testa 4 valvole per cilindro
CILINDRATA: 798cc
RAPPORTO DI COMPRESSIONE: 13,3:1
COPPIA: (NM @ GIRI/MIN) 81 @ 8.600
ALESAGGIO E CORSA: (MM) 79 x 54,3
RAPPORTO DI COMPRESSIONE: 13,3 : 1
POTENZA MASSIMA: KW (CV) @ GIRI/MIN 92,0 (125) @ 11.600
RAFFREDDAMENTO: A liquido e olio con con radiatori separati
ALIMENTAZIONE: Iniezione elettronica
ACCENSIONE: Elettronica
FRIZIONE: Multidisco in bagno d’olio a comando meccanico
CAMBIO: Estraibile a sei velocità con ingranaggi sempre in presa
RAPPORTI PRIMARIA: 19/36
RAPPORTI CAMBIO:
Prima: Velocità 13/37
Seconda: Velocità 16/34
Terza: Velocità 18/32
Quarta: Velocità 19/30
Quinta: Velocità 21/30
Sesta: Velocità 22/29
RAPPORTO FINALE: 16/41
CAMBIO ELETTRONICO MV EAS (Electronically Assisted Shift)
IMPIANTO DI SCARICO: Euro 3
CAPACITÀ SERBATOIO: 16.60
AVVIAMENTO: Elettrico

IMPIANTO ELETTRICO

TENSIONE IMPIANTO: 12 V
ALTERNATORE: 350 W a 5000 giri/min
BATTERIA: 12 V - 8,6 Ah

TELAIO

TIPO: Tubolare a traliccio in acciaio ALS
MATERIALE: piastre fulcro forcellone Lega di alluminio

CICLISTICA

ANTERIORE
FORCELLA: Marzocchi oleodinamica a steli rovesciati con sistema di regolazioneesterno e separato del freno in estensione, in compressione e del precarico molla.
Ø STELI: 43 mm
CORSA: 125 mm

POSTERIORE
MONOAMMORTIZZATORE: Sachs regolabile in estensione, in compressione e nel precarico molla.
MATERIALE: monobraccio Lega di alluminio
CORSA: 125mm

FRENI

ANTERIORE: doppio disco flottante (Ø 320 mm) con fascia frenante e flangia in acciaio
PINZA FRENO: Radiale Brembo a 4 pistoncini (Ø 32 mm)
POSTERIORE: disco singolo in acciaio (Ø 220 mm)
PINZA FRENO: posteriore Brembo a 2 pistoncini (Ø 34 mm)
ABS: Bosch 9 PLUS con RLM (Rear wheel Lift-up Mitigation)

CERCHI

ANTERIORE Materiale/dimensioni: Lega di alluminio 3,50 ” x 17 ”
POSPERIORE Materiale/dimensioni: Lega di alluminio 5,50 ” x 17 ”

PNEUMATICI

ANTERIORE: 120/70 - ZR 17 M/C (58 W)
POSTERIORE: 180/55 - ZR 17 M/C (73 W)

DIMENSIONI E PESO

INTERASSE: 1380 mm
LUNGHEZZA TOTALE: 2085 mm
LARGHEZZA MASSIMA: 725 mm
ALTEZZA SELLA: 810 mm
ALTEZZA MINIMA DA TERRA: 160 mm
AVANCORSA: 95 mm
PESO A SECCO: 167 kg
CAPACITA' SERBATOIO CARBURANTE: 16,6 l

";}}

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: