MotoGP: il GP di Misano a tutto Sic

Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), Cal Crutchlow (Yamaha Tech3), Valentino Rossi (Ducati Team), Dani Pedrosa e Jonathan Rea (Repsol Honda) sono stati i piloti della MotoGP che si sono presentati davanti ai giornalisti per la consueta conferenza stampa che introduce il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, 13° round del Motomondiale 2012.

Il primo a prendere la parola è stato l'attuale capoclassifica del mondiale: "Quest’anno siamo stati molto costanti - ha osservato Lorenzo - arrivando sempre nei primi 2. Nelle ultime tre gare non sono riuscito a vincere, ma ci siamo andati vicini. Ora arriva questa pista che è stata abbastanza positiva per noi negli ultimi 4 anni: sempre secondo tranne lo scorso anno, quando sono finalmente riuscito a vincere, ma adesso diventerà importante anche il fattore pressione."

"Nei test di Aragon abbiamo trovato qualcosa che ci dà un pò di velocità in più - in realtà lo avevamo scoperto nel test di Brno - ma non possiamo utilizzare l'ultimo motore, per cui avremo lo stesso motore e la stessa moto che abbiamo usato a Brno. Aspetteremo, ma cercheremo di lottare comunque per la vittoria e forse nella prossima gara di Aragon potremo avere una moto migliore. Ovviamente preferirei avere più punti da gestire ed essere più tranquillo, ma la sfida tra me e Dani ci da l’opportunità di fare ancora più grande questo sport nel nostro Paese".

MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare

Lorenzo ha poi chiuso ricordando Marco Simoncelli, a cui è ora intitolato il circuito di Misano: "Era una delle stelle del Campionato, un grande pilota che ha 'toccato' tanta gente e che aveva moltissimi tifosi. Credo sia una bella cosa che gli abbiano intitolato il circuito, se lo merita. Non dimentichiamo nemmeno Shoya [Tomizawa]".

Dani Pedrosa sembra essere l'uomo più in forma del momento, reduce da due vittorie nelle ultime due gare e ora a soli 13 punti di distacco dalla vetta del campionato: "Le ultime due gare sono state perfette per noi e ne sono felice, ma adesso dobbiamo continuare a lavorare in questa maniera e provare a correre per vincere ancora. L’importante è rimanere sempre concentrati. Il test di Aragon è stato molto importante in vista dell'ultima parte della stagione: abbiamo trovato qualcosa per migliorare il grip, ma vedremo se utilizzarlo o meno in questa gara".

Anche Pedrosa dedica poi un pensiero a Simoncelli, uno dei suoi rivali più duri in pista: "È bello sapere che lui era di queste parti, e che tutti i suoi tifosi e la sua famiglia sono qui. Il fatto che gli abbiano intitolato la pista è a suo modo una piccola consolazione per questa grande perdita. Come quella di Tomizawa del resto [che morì a Misano nel 2010]".

MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare

Per Valentino Rossi le speranze di cogliere un risultato positivo nel suo ultimo Gran Premio su suolo italiano in sella ad una Ducati sono legate ad un nuovo forcellone, che la casa di Borgo Panigale farà debuttare a Misano: "Lo scorso anno non siamo andati male quì. Abbiamo fatto un test due settimane fa con dei pezzi nuovi, e le sensazioni sono state buone: ora dovremo capire se e quanto siamo migliorati confrontandoci con gli altri piloti. Abbiamo una nuova ciclistica e un nuovo forcellone con alcune modifiche in termini di dimensioni, posizione e rigidità. Nel test ci è sembrato andare meglio rispetto alla moto che ho usato a Brno. Ci sono ancora diverse gare da disputare, e noi continueremo a cercare di migliorare la moto. Il nostro obiettivo è quello di fare delle belle gare da qui alla fine".

"Arrivare quì, sul il circuito dedicato a Marco, è sicuramente un'emozione particolare. Dobbiamo provare a fare una buona gara per lui e per la sua famiglia".

MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare
MotoGP 2012 - Brno - Gare

Il britannico Cal Crutchlow, riconfermato dal team Yamaha Tech3 anche per il 2013 - quando sarà raggiunto dal connazionale Bradley Smith - andrà alla caccia di un nuovo risultato di prestigio dopo l'ottimo terzo posto di Brno: "L’ultimo quarto di stagione sarà duro, ma io ho voglia di correre, e adesso che ci siamo tolti lo sfizio del podio potrebbe anche essere più semplice tornarci. Sarò felice se riusciremo a ridurre ancora un po’ il gap con quelli davanti: arriviamo a Misano con l’idea di lottare per il podio, e non ci sono ragioni per cui non potremmo riucirci".

"E' un grande onore per Misano aver potuto intitolare il proprio circuito a Marco, e viceversa. Basta guardare ai tifosi che ci sono in giro - tutti con la sua maglietta - e si capisce subito il tipo di personaggio che era."

Jonnhy Rea conosceva Simoncelli, e la sua riflessione si concentra sull'impatto che questi eventi possono avere sui piloti: "Quando sei un pilota e senti una notizia del genere, la cosa ti colpisce in modo diverso. E' una cosa molto negativa a cui pensare nelle vesti di pilota, ma è fantastico che da una tragedia simile alla fine possano nascere delle cose così positive."

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: