Home 300° podio per il team Repsol Honda nella classe regina

300° podio per il team Repsol Honda nella classe regina

Casey Stoner vince a Laguna con Dani Pedrosa terzo. 300esimo podio per il Repsol Honda Team nella classe regina

Il Team Repsol Honda lascia Laguna Seca dopo aver raggiunto un traguardo importante. Grazie alla quarta vittoria stagionale di Casey Stoner ed al terzo posto di Dani Pedrosa, nono podio in dieci gare, lo squadrone Honda celebra il 300° podio nella classe regina.

Dopo un fine settimana difficile, durante il quale ha faticato a far funzionare al meglio la gomma posteriore dura sulla sua RC213V, poco prima della partenza Stoner ha preso la rischiosa decisione di montare la copertura morbida, mentre Pedrosa e Lorenzo avevano optato per la dura. Per il pilota australiano si è trattato di una scelta perfetta che gli ha permesso di avere maggior feeling su un circuito che ama moltissimo e su cui solo lui e Wayne Rainey hanno vinto tre volte nella classe regina. Il pilota spagnolo della Honda non è riuscito a tenere il passo del compagno di squadra e del connazionale della Yamaha, ma è riuscito comunque a registrare il giro più veloce al quinto passaggio con un crono di 1’21.229.

Con la vittoria di ieri il pilota autraliano celebra il 37° successo nella classe regina, uguagliando Mike Hailwood e portandosi in quarta posizione per il numero complessivo di vittorie nella top class dietro a Rossi (79), Agostini (68) e Doohan (54). Pedrosa ha mantenuto il suo appuntamento con il podio e con questo terzo posto a Laguna Seca uguaglia la sua più lunga sequenza di podi consecutivi (5) in MotoGP, e con 65 podi complessivi nella classe regina si porta al pari di Stoner in quinta posizione.

“E’ stato un fine settimana difficile, – ha detto Casey Stoner – abbiamo faticato a far funzionare la gomma dura, così per la gara ho optato per la morbida con l’accortezza di stare più attento nella gestione degli pneumatici, mantenere un po’ più di trazione, senza derapare troppo. All’inizio ho cercato di andare in testa, ma Dani e Jorge chiudevano tutte le porte ed era impossibile passarli. Ho deciso di abbassare un po’ il ritmo per risparmiare le gomme, prima di tornare all’attacco. Sapevo di avere il passo per poter vincere, dovevo solo gestire al meglio miei pneumatici sino alla fine. Una volta in testa, ho completato una serie di giri veloci che mi hanno permesso d i costruirmi un piccolo margine. Sono veramente felice e desidero ringraziare tutta la squadra”.

Infine il commento di Dani Pedrosa: “Ho cercato di fare tutto il possibile ed oggi il terzo posto era il massimo che potessi fare. All’inizio, quando Casey mi ha passato, sono rimasto calmo perché sapevo che aveva optato per la gomma mordida, la decisione più rischiosa per la gara, ma alla fine per lui ha funzionato alla perfezione. Avevo un buon passo, ma quando sono riuscito a riprendere Casey e mi preparavo a cercare di superarlo, ho aperto troppo velocemente il gas e quasi finivo a terra. Ho perso il contatto con i primi, così ho provato a staccare in modo più aggressivo per ridurre il gap, ma ho perso il davanti diverse volte, rischiando di non finire la gara. Posso dirmi soddisfatto perché ho continuato a spingere sino a lla fine, ho dato il massimo, ma oggi non è stato sufficiente. Basta un piccolo errore per compromettere la vittoria. Oggi abbiamo corso con la nuova moto e abbiamo conquistato un altro podio. Sappiamo cosa dobbiamo migliorare per tornare più forti a Indianapolis”.

Ultime notizie su Gare

Segui tutte le gare di moto con motosblog, dal Motogp al SBK con i nostri speciali in tempo reale, i commenti, le anticipazioni, le interviste dei piloti, le foto e le video per vedere e rivedere le gare da non perdere.

Tutto su Gare →