SBK Australia 2015, Davies 2 volte a podio: "Avrei voluto fare qualcosa di più"

Superbike 2015 - Il gallese del team Ducati Aruba SBK conquista due volte il podio di Phillip Island al debutto stagionale: "Buona base su cui continuare a crescere."

SBK Australia 2015 - Gallery Gare

Debutto stagionale sicuramente positivo per Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team) e la sua 1199 Panigale R nel round di Phillip Island. Il gallese della Ducati, secondo nelle qualifiche di ieri, ha suggellato il suo fine settimana con due terzi posti maturati in modo molto simile, con il britannico impegnato nella lotta per la vittoria con i connazionali Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) e Leon Haslam (Aprilia Red Devils) ma poi incapace di trovare l'affondo vincente nel finale.

In Gara-1 Davies ha chiuso a meno di mezzo secondo dal vincitore, meno di 3 decimi in Gara-2, lasciando così l'Australia con un incoraggiante 'doppio podio' ed il terzo posto nella classifica del Mondiale. Non è mancato però anche con un po' di rammarico per un risultato che sarebbe potuto essere ancora più esaltante.

SBK Australia 2015 - Gallery Gare

Queste le prime dichiarazioni di Chaz Davies dopo il round di Phillip Island:

“Finalmente sono sul podio qui a Phillip Island. Ci avevo provato per tanti anni e quest’anno finalmente ce l’ho fatta in entrambi le manches. Avrei voluto fare qualcosa di più ovviamente, ma alla fine non è stato possibile. Negi ultimi giri di entrambe le gare mi è mancata un poco di accelerazione all’uscita di alcune curve e quindi ho deciso di conservare il più possibile le gomme. Personalmente ho sempre cominciato un po’ male il campionato e quindi questo è un risultato molto importante per me, che mi conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione."

"Abbiamo lavorato molto bene per tutto il weekend, concentrandoci sempre sulla distanza di gara, e sembra che abbia funzionato. Ringrazio tutti i ragazzi del team ma anche tutti i tecnici a Borgo Panigale per il lavoro che hanno fatto durante l’inverno. I risultati ottenuti qui sono una buona base su cui continuare a crescere.”



SBK Australia 2015 - Gallery Gare

SBK Australia 2015, Davies 2° in qualifica: "Siamo pronti!"

SBK Australia 2015 - Gallery Superpole

Eccellente prestazione nelle qualifiche di Phillip Island per il gallese Chaz Davies (Aruba Ducati SBK), che con il crono di 1'31.238 ha conquistato la seconda piazzola nella griglia di partenza per le gare di domani accusando solo 26 millesimi di ritardo dal pole-man Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team).

Davies ha messo a segno il suo miglior crono della SP2 con gomma da gara, e con la gomma da qualifica aveva fatto segnare un anche un crono più basso di quello di Rea: purtroppo per lui, infatti, il suo 1:30.8 finale non è stato ratificato per l'esposizione della bandiera rossa, causata da una brutta caduta di David Salom, ma il gallese non è sembrato prendersela troppo con il destino:

“Questa mattina abbiamo proseguito il lavoro iniziato ieri, testando alcune nuove soluzioni per meglio comprendere la reazione delle gomme ai vari assetti e penso quindi di essermi preparato a dovere, non abbiamo rilevato nessun problema significativo. Nelle qualifiche ho pensato di uscire con la “Q” il più presto possibile, nel caso che ci fosse stata una bandiera rossa, ma non sono riuscito a terminarlo in tempo. Ad ogni modo, partire dalla prima fila rappresenta certamente un buon modo per iniziare la stagione. Ritengo che siamo pronti nel miglior modo possibile, anche grazie ai test di inizio settimana e non vedo l’ora che inizino le gare”.


SBK Australia 2015 - Gallery Superpole

SBK Australia 2015, Davies 8° nel Day-1: "Non è andata male"


Nella prima giornata di prove libere per il round di Phillip Island, appuntamento inaugurale del Mondiale SBK 2015, il gallese Chaz Davies (Aruba Ducati SBK) ha fatto segnare un miglior crono personale di 1’31.748, tempo messo a segno nella sessione mattutina che lo ha visto chiudere all'8° posto nella classifica combinata dei tempi.

Il britannico, come la maggior parte dei suoi colleghi, non è poi riuscito a migliorarsi nel pomeriggio, ma - a differenza del compagno di box Troy Bayliss - ha comunque potuto portare avanti senza intoppi il lavoro di messa a punto sulla sua 1199 Panigale R. I quasi 9 decimi rimediati dal best lap di Alex Lowes (Crescent Suzuki) potrebbero suonare come un 'campanello d'allarme' in vista della Superpole di domani, ma Davies si è detto comunque soddisfatto del lavoro svolto oggi.

“Non è andata male oggi. Penso che abbiamo migliorato per quanto riguarda il ‘set-up di gara’ e continuiamo ad effettuare piccoli ma costanti miglioramenti come abbiamo fatto durante i test di inizio settimana. La moto non curva in modo efficace in un paio di curve strette, ma per il resto mi sembra sia molto stabile. Dobbiamo lavorare anche sul grip nell’ultima curva, che oggi non è stato lo stesso che avevo durante i test. Abbiamo ancora tempo domani, quindi per ora diciamo che le cose stanno andando come previsto.”

SBK Australia 2015 - Foto Day-1

Test Superbike, Davies: "Ho trovato il feeling che mi mancava nel Day-1"



2015 chaz_Davies_box

Confermato che Davide Giugliano non potrà partecipare al primo round del Mondiale SBK 2015 a causa dei postumi della caduta di ieri, Chaz Davies si appresta ad affrontare le gare di Phillip Island di questo fine-settimana come unico porta-colori del team Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team. Il gallese è stato anche l'unico pilota del team in pista per il Day-2 del test sul tracciato australiano, chidendo con il 6° tempo assoluto a +0.437 dal best lap di Sam Lowes (Crescent Suzuki).

Davies ed i suoi tecnici si sarebbero focalizzati principalmente sulla distanza delle gare - 22 giri - dichiarandosi soddisfatti dei risultati ottenuti. Il britannico tornerà in pista venerdì per i primi turni cronometrati valevoli per il round inaugurale del Mondiale WSBK 2015, dicendosi moderatamente ottimista:

“Stamattina abbiamo fatto un paio di step molto positivi e, modificando l’anteriore della mia Panigale, ho potuto trovare quel feeling che mi era mancato ieri. Oggi pomeriggio ho fatto molti giri e mi sento abbastanza fiducioso per quanto riguarda la distanza di gara, ma prenderemo in considerazione gli aspetti positivi evidenziatisi questa mattina e continueremo a lavorare in quella direzione. Abbiamo svolto una grande mole di lavoro qui, e sembra che abbiamo idee molto più chiare per quanto riguarda quello che funziona e quello che invece funziona un po’ meno. Un risultato molto positivo alla fine dei test. Quando torneremo in pista venerdì spero che riusciremo a concentrarci ed a sfruttare le cose migliori che abbiamo identificato in questi giorni, per migliorarci ulteriormente.”

SBK Test Phillip Island 2015 - Day-2

Test Superbike Day-1, Davies: "Ok il nuovo forcellone. Lavoriamo per la gara"

Aruba.it Racing Ducati Superbike Team Test Australia

Buona la prima giornata di Test Superbike di Phillip Island per Chaz Davies. Il pilota inglese del Team Aruba.it Racing – Ducati Superbike ha proseguito il lavoro di sviluppo lavorando sull’assetto della Ducati Panigale R per adattarlo alla pista australiana in previsione delle gare di domenica. Davies ha concluso la giornata con il settimo tempo in 1'32.114 a +0.782 da Lowes.

50 le tornate portate a termine dal pilota britannico migliorando nel pomeriggio la prestazione fatta registrare nella sessione della mattinata. L’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team sarà di nuovo in pista domani con il solo Chaz Davies per portare a termine i test ufficiali. Chaz è rimasto soddisfatto delle novità portate in Australia e domani effettuerà un simulazione gara:

“Le cose stanno andando nella giusta direzione. Abbiamo introdotto un nuovo componente, un forcellone leggermente diverso, e quindi ci siamo concentrati sull’assetto della moto con questo nuovo componente. Non abbiamo puntato sul tempo veloce, ma il lavoro di oggi è stato orientato alla messa a punto in ottica distanza gara. Abbiamo cominciato a fare progressi verso fine sessione ma c’è ancora da fare. Domani continueremo a lavorare sulla ciclistica per migliorare la durata della gomma posteriore che qui a Phillip Island è sempre critica. Una volta sistemate alcune cose faremo un long-run per capire meglio a che punto siamo...”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail