Moto3 Mugello 2014, Fenati: "L'inno di Mameli in Italia ha un sapore unico"

Fenati trionfa nel GP d'Italia e incassa l'inchino del boss Valentino Rossi: "Io suo erede? Vado avanti gara per gara...". Leggi i commenti dei piloti italiani della Moto3 dopo il round del Mugello.

Moto3 Mugello 2014

Le gare della classe Moto3 sono molto spesso contraddistinte dall'incertezza, con gruppi di piloti che si contendono la vittoria fino all'ultimo giro, e anche il Gran Premio d'Italia di ieri non ha fatto eccezione a questa regola 'non scritta' che trova conferma anche al di fuori del Motomondiale. L'esito finale del round del Mugello è stato in discussione fino alla bandiera a scacchi (anche dopo, a dir la verità, con l'inversione delle posizioni del secondo e terzo classificato al fotofinish), ma il pubblico italiano sapeva bene a chi affidare le sue speranze di vittoria: Romano Fenati - ieri reso riconoscibilissimo da una speciale livrea tricolore - ha infatti regalato un nuovo trionfo al nuovo Sky Racing Team VR46 di Valentino Rossi, che ieri gli ha reso omaggio accogliendolo 'in ginocchio' al parco chiuso.

Margini risicatissimi per il 18enne ascolano al traguardo, 10 millesimi sugli spagnoli Vinales e Rins (con il primo classificato secondo per via del giro più veloce in gara), ma Romano Fenati è stato sicuramente abile nello sfruttare le scie sull'ultimo rettilineo dopo una gara condotta sempre nelle primissime posizioni. Terzo successo stagionale a altri 25 punti iridati per lui, che grazie alla concomitante caduta del leader del Mondiale Jack Miller gli consesonteno di balzare a sole 5 lunghezze dall'australiano in classifica, 99 punti contro 104. Ma la cosa più importante, come confermato dallo stesso 'Fenny' nel dopo gara, è stata vincere davanti al pubblico del Mugello:

“Pensavo di non farcela più e invece alla fine sono uscito dalla scia veramente forte e ho vinto all’ultimo respiro – il commento di Fenati -. Era importante fare un buon risultato proprio oggi, la vittoria qui al Mugello è una cosa veramente fantastica, ascoltare l’inno di Mameli in Italia ha un sapore unico. C’è la mia famiglia e tutti i miei amici, sono venuti da Ascoli per sostenermi e ora sono qui a festeggiare con me, sono davvero contento. E’ una grande emozione vedere Valentino inginocchiarsi davanti a me, ma in verità sarei io a doverlo fare davanti a lui. Io suo erede? Vado avanti gara per gara, giro dopo giro, curva dopo curva. Adesso è presto per dirlo. Aspettiamo qualche anno..."

MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

Gongola ovviamente il team manager Vittoriano Guareschi, anche se con il rammarico per il problema tecnico che ha appiedato a metà gara l'altro suo pilota, Francesco Bagnaia:

“Romano è stato bravissimo a gestire una gara difficile e a tirarsi fuori dai pericoli nel gruppo che cercava di portarsi avanti. È una vittoria molto importante, arrivata al termine di una grande gara. Costretto a interrompere il Gran Premio Francesco Bagnaia, che a nove giri dalla fine ha chiuso la sua gara per un errore in corsa. Mi dispiace per Bagnaia, soprattutto perché avrebbe potuto continuare a correre fino a raggiungere posizioni importanti dopo una bella partenza”.


MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

Stesso risultato ma chiavi di lettura totalmente opposte per i due alfieri del team Junior Team Go&FUN Moto3, Niccolò Antonelli ed Enea Bastianini, entrambi costretti al ritiro da Gran Premio d'Italia dopo una caduta.

Niccolò Antonelli è uscito di scena prestissimo, dopo soli cinque giri, dopo aver involontariamente colpito la moto di Jakub Kornfeil: per il talento di Cattolica si è trattato del 4° 'ritiro' e del 5° 'zero' su sei gare, e la situazione in classifica appare quanto mai deficitaria ( soprattutto in riferimento alle attese di inizio stagione). Antonelli aveva decisamente bisogno di un buon risultato al Mugello, ma purtroppo le cose non sono andate secondo i suoi piani:

“Ho sbagliato io: ero nel folto gruppo di testa, non ho calcolato bene la frenata e ho colpito Kornfeil, col quale mi scuso. Probabilmente avrei dovuto frenare un po’ prima per evitare problemi, invece ho rischiato ed è andata male. Peccato, non ci voleva”.

MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

Zero punti ma musica diversa per il suo compagno di colori Enea Bastianini. L'agguerrito rookie romagnolo è infatti stato protagonista di una prestazione strepitosa, conclusasi a poche curve dal traguardo per una incolpevole caduta - innescata da Jack Miller e Miguel Oliveira - che gli ha impedito di giocarsi le sue chances per il podio nella volata finale. Partito sedicesimo in griglia, Bastianini ha rapidamente scalato il gruppo arrivando addirittura al comando della corsa al nono giro e rimando poi stabilmente con il gruppetto di testa, tornando altre volte al comando. Malgrado la delusione finale, il bilancio del suo debutto 'mondiale' al Mugello è da ritenersi comunque positivo:

“Penso di aver fatto la gara più bella della mia vita: sono partito sedicesimo e ho rimontato un sacco di posizioni e a un certo punto mi sono anche ritrovato al comando per la prima volta: è stato emozionante. Peccato soltanto per quello che è accaduto all’ultimo giro, dove sono caduto senza colpe… avevo già in mente dove passare per prepararmi alla volata, perché avevo già visto nel giro precedente che rimanendo dietro si potevano superare i piloti davanti grazie al gioco delle scie. Purtroppo, però, è andata così… ci rifaremo alla prossima!”.


MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

Bilancio positivo al Mugello per il San Carlo Team Italia, con Matteo Ferrari 14° al traguardo che incamera i suoi primi 2 punti iridati e Andrea Locatelli, al rientro dopo due gare d'assenza per infortunio, discreto 18° sotto la bandiera a scacchi in 18° posizione. I 2 punti conquistati da Ferrari sono anche i primi di quest'anno per team della Federazione, che così inizia a raccogliere i frutti del lavoro sulle sue Mahindra.

Scattati dall'ottava fila come il suo compagno di squadra, Matteo Ferrari è caparbiamente riuscito a conseguire questo piazzamento tanto atteso dal team e sicuramente di buon auspicio per il prosieguo della stagione, ed la sua soddisfazione a fine gara è palpabile:

"Sono abbastanza contento. I primi punti per il campionato sono una buona cosa, abbiamo così centrato il nostro obiettivo principale del weekend. Non posso riteneri completamente soddisfatto perchè nei primi giri si è creato un pò di "vuoto" davanti a me e ho perso il contatto con il gruppo di testa: tempi, senza scie, alla mano, potevamo dire la nostra per un ottenere un piazzamento migliore. In ogni caso è stato un weekend positivo, una buona base di partenza per il prosieguo della stagione".

MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

Qualche problema tecnico invece per Andrea Locatelli, che forse avrebbe potuto aspirare a qualcosa di più:

"Poteva esser una buona opportunità per conquistare dei punti mondiali, ma purtroppo da metà gara in avanti ho perso terreno per un inconveniente tecnico. Sono comprensibilmente dispiaciuto, ma cerco di vedere i lati positivi della gara odierna: i tempi sul giro sono stati buoni ed il braccio ha tenuto bene sulla distanza, non ho accusato alcun tipo di problema fisico dopo due gare di stop. Peccato davvero, ci meritavamo di rientrare in zona punti oggi alla luce dell'ottimo lavoro svolto nelle prove: continueremo su questa strada martedì nella giornata di test in programma qui al Mugello".


MOTO3 MUGELLO 2014 - GALLERY FOTOGRAFICA

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: