Supersport: Raffaele De Rosa con CIA Insurance Honda nel 2014

Raffaele De Rosa continuerà a correre nel Mondiale Supersport 2014 nel Team CIA Insurance Honda

Raffaele De Rosa - Phillip Island 2014

Il pilota napoletano Raffaele De Rosa correrà anche nel 2014 nel Campionato Mondiale Supersport (tutti i piloti e le squadra al via nella stagione in corso) con i colori del Team CIA Insurance Honda (Performance Technical Racing). Lo ha confermato lui stesso in una intervista rilasciata a WorldSBK.com e lo stesso team tramite la pagina ufficiale di Facebook.

Raffaele De Rosa, 27 anni proprio oggi (Auguri da parte di tutta la redazione di Motoblog) nella prima gara della stagione che si è svolta alla fine dello scorso mese in Autralia (Phillip Island) ha ottenuto un ottimo terzo posto dietro al vincitore Jules Cluzel (MV Agusta RC – Yakhnich Motosport) ed a Kev Coghlan (DMC-Panavto Yamaha). Segue uno stralcio dell'intervista al pilota napoletano.

E' ufficiale quindi che continuerai con CIA Insurance Honda?

"La conferma è arrivata, finalmente, dopo una lunga trattativa con Simon (Buckmaster). Abbiamo trovato un accordo, anche se non sarà facile completare tutta la stagione e bisognerà impegnarsi a fondo."

Pensi che il podio di Phillip Island abbia avuto un effetto sul prosieguo della collaborazione?

"Dopo la prima gara è cambiato molto da parte mia, in realtà mi aspettavo dalla squadra una risposta migliore ma, vista la situazione economica, è evidente che le squadre fanno sempre più fatica a trovare le risorse per garantire la presenza di un buon pilota. Però il buon risultato ha dato forza a me stesso, se prima magari ero indeciso ora so che voglio continuare."

Con che approccio mentale hai affrontato la trasferta italiana, sapendo che era una specie di 'prova'?

"Io sono andato lì con la volontà di far bene ma ero anche cosciente che PTR, nonostante la difficile stagione dello scorso anno, è una squadra di alto livello e con tanta storia. Non è che puntassi a fare la gara della vita, ma di sicuro ho provato a dare il massimo, a rimanere concentrato ed a fare meno errori possibili. C'erano inoltre altri fattori che non mi permettevano di dare il 100%, tra cui la mancanza di test invernali e la recente operazione al ginocchio sinistro. Per questi motivi non potevo pretendere troppo, ma alla fine però il risultato è arrivato."

Obiettivi per Aragon?

"L'anno scorso ad Aragon sono andato abbastanza bene, soprattutto in gara. Purtroppo però a pochi giri dalla fine un contatto con Marino ha un po' vanificato il tutto. Però è una pista che mi piace e, come ho già detto, l'obiettivo è di stare costantemente tra i primi e non fare errori, anche perché visti le cadute in gara a Phillip Island, Sofuoglu e van der Mark partono leggermente svantaggiati e dovranno recuperare."

  • shares
  • Mail