MotoGP: presentato il team Drive M7 Aspar di Hayden e Aoyama

Alla vigilia del secondo test stagionale della MotoGP a Sepang, il team spagnolo svela i colori delle Honda RCV1000R con il quale andrà all'assalto della nuova classe Open. Hayden: "Presto Honda ci darà più potenza..."

MotoGP 2014 - Team Drive M7 Aspar - Presentazione Sepang

In omaggio al nuovo title sponsor Drive M7 - un energy drink della Malesia, con il quale è stato firmato un accordo triennale - il team spagnolo Aspar ha scelto l'immediata vigilia del secondo test della MotoGP a Sepang per presentare ufficialmente i propri programmi sportivi per la nuova stagione 2014. L'evento è coinciso anche con l'introduzione delle livree delle nuove moto, che da quest'anno non saranno più le ART (il prototipo CRT su base Aprilia RSV4) ma due Honda RCV1000R, il prototipo 'Open' messo a disposizione dal colosso nipponico per i team privati.

Completamente nuova anche la line-up piloti, con l'esperto americano Nicky Hayden ed il giapponese Hiroshi Aoyama chiamati a sostituire Aleix Espargarò (passato sulla Yamaha 'Open' del team NGM Forward Racing) e Randy de Puniet (da quest'anno tester Suzuki a tempo pieno). I due ex-Campioni del Mondo hanno ovviamente partecipato all'evento di Sepang, al quale è intervenuto anche il Ministro del Turismo e della Cultura della Malesia (dal nome chilometrico), Dato Seri Nazri Mohamed bin Tan Sri Abdul Aziz, ed il presidente di Drive M7, Datuk Ahmad.

Jorge 'Aspar' Martínez, storico patron del team (ed ex iridato delle classi 80 e 125 cc) ha fatto gli onori di casa, presentando brevemente gli obiettivi della sua squadra per il 2014 senza dimenticare di sottolineare l'importanza della nuova partnership:

"Siamo felici di presentare il team Drive M7 Aspar in Malesia: questo evento è la testimonianza di un ulteriore passo avanti nella storia del nostro team. Stiamo espandendo i nostri confini, crescendo molto a livello internazionale . E' molto importante per noi aver raggiunto un accordo con Drive M7, un'azienda enorme che fa parte del Mutiara Motors Group e ha una visione di tipo globale. Inoltre, per quanto riguarda il lato sportivo, abbiamo fatto il cambio da Aprilia a Honda e avremo con noi due campioni del mondo del calibro di Nicky Hayden e Hiroshi Aoyama. Abbiamo riposto grandi speranze in questo nuovo progetto, una sfida che durerà per i prossimi tre anni. Drive M7 ed il Team Aspar hanno idee e obiettivi comuni, e dovrebbero trovarsi in perfetta armonia, con l'obiettivo di continuare sempre a crescere. Spero che rimarremo insieme a lungo."


Nicky Hayden nel primo test di Sepang ha chiuso a poco meno di due secondi dallo stratosferico nuovo record della pista fatto segnare da Marc Marquez (Honda Repsol) e in alcune successive dichiarazioni non ha nascosto una qualche perplessità nei confronti del nuovo regolamento della MotoGP, che divide le moto tra 'Factory' e 'Open'. La presentazione ufficiale della sua nuova squadra non è certo il momento ideale per andare a rivangare queste problematiche, ed il 32enne Hayden infatti si dichiara più che entusiasta di ripartire con Honda (casa con cui conquistò il titolo MotoGP nel 2006) dopo un lustro passato in sella alla scorbutica Ducati Desmosedici:

"Per me iniziano una nuova stagione e una nuova sfida, mi sento molto motivato. Sono rimasto molto impressionato dalla professionalità di Mr.Aspar: è evidente che pensa sempre ad ottenere i massimi risultati e a dare il massimo supporto ai ragazzi della sua squadra. Penso anche che sia molto positivo avere un nuovo sponsor del livello di Drive M7. Non è solo un bene per noi, ma anche per tutta la MotoGP: è importante saper attirare nuovi sponsor da tutto il mondo. Sono curioso di vedere come sarà la nuova classe Open e in che modo si svilupperà. Verificare se questa nuova categoria è davvero il futuro della MotoGP sarà una sfida. Nel primo test non siamo stati competitivi come avevamo previsto, ma sono sicuro che HRC ci darà presto un po' più di potenza. Nel prossimo test cercherò di spremere tutto il possibile dalla nuova moto e di migliorare l'affiatamento con la squadra, per essere pronti per la gara di apertura in Qatar."


Dopo due annate da dimenticare - il 2012 in Superbike con Honda Ten Kate e l'anno scorso in MotoGP con al FTR Honda del team Avintia - il 32enne Hiroshi Aoyama si ripresenta ai nastri di partenza della nuova stagione con propositi di rivincita. Nel primo test di Sepang, l'ex iridato della 250 non è andato oltre un anonimo 16° posto a quasi 3" dal crono record di Marquez (e a quasi 1 dal compagno di box), ma nonostante questo l'ottimismo non gli manca:

"Sono molto felice di entrare a far parte del team Drive M7 Aspar, è una squadra molto professionale dove tutti hanno grande motivazione e lavorano sodo, ogni giorno, per cercare di ottenere sempre i risultati migliorare. Spero che questa nuova stagione che sta per iniziare porti grandi soddisfazioni a tutti coloro che sono coinvolti in questo progetto. Quest'anno ci sarà una nuova sfida per noi rappresentata dalla nuova classe 'Open', che è il futuro della MotoGP. Il 2014 è un anno molto interessante e importante per noi. Ho una grande squadra, una grande moto ed il supporto diretto di Honda: sono convinto che le cose andranno bene."

  • shares
  • Mail