Moto2, test: Mika Kallio; "Spalla OK, moto competitiva. Il titolo? Speriamo bene"

Mika Kallio - Test Moto 2 Valencia - Gallery

Mika Kallio, trovato l'accordo con il Marc VDS Racing Team, ha concluso con successo il suo secondo test stagionale in Moto2. Il centauro finlandese, in sella alla svizzera Suter, ha fatto segnare un crono di tutto rispetto, confermando il notevole feeling con il prototipo 600cc in versione 2010.

Nonostante l'operazione alla clavicola, Mika è pronto ad affrontare a 28 anni, una nuova esperienza nel motomondiale: "Non so esattamente cosa aspettarmi dalla mia spalla dopo l'operazione, ma è più o meno a posto. Credo che possiamo dirci soddisfatti con questo test, tutto è andato per il verso giusto e ho raccolto parecchie informazioni sulla moto. I tempi sul giro non sono stati male, e quindi posso sorridere, almeno un po'!”

Nonostante le normali difficoltà iniziali, il processo di adattamento dalla MotoGP alla categoria cadetta, sembra procedere nel migliore dei modi: “È stata dura. Ero consapevole cosa mi attendeva perché lo scorso novembre ho provato questa moto nei test di Valencia. Già allora mi ero accorto che non era per nulla facile. E' totalmente diversa ad una MotoGP".
Mika Kallio - Test Moto 2 Valencia - Gallery
Mika Kallio - Test Moto 2 Valencia - Gallery
Mika Kallio - Test Moto 2 Valencia - Gallery
Mika Kallio - Test Moto 2 Valencia - Gallery

"È necessario cambiare il proprio stile di guida, i punti di frenata, le linee, senza contare che c'è molta meno potenza. Tutto diverso, ma giorno dopo giorno, giro dopo giro, trovo maggiore confidenza e spero di essere pronto in Qatar”. Un obiettivo difficile ma non impossibile da raggiungere, ripetere l'impresa di Toni Elias, Campione Moto2 dello scorso anno.

"Mi auguro di poter ripetere l'impresa di Toni. Non ci sto pensando più di tanto in questo momento. Ora devo solo concentrarmi nei test e vedremo a che punto saremo in Qatar, a Losail. La stagione sarà dura perché ci sono un sacco di buoni piloti. Tutto è possibile, ma ora ho solo bisogno di più giri perché non è per nulla semplice questa moto”.

via | MotoGP.com

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: