SBK: fine di un epoca, dal 2015 solo moto EVO

Gli organizzatori del massimo campionato per derivate di serie hanno scelto il round di Magny Cours per svelare il nuovo regolamento per il 2015, e le novità sono davvero significative.

SBK Istanbul 2013 - Gare e Warm Up

La Superbike Commission composta da Javier Alonso (Amministratore Delegato WSBK), Ignacio Verneda (FIM Executive Director, Sport) e Takanao Tsubouchi (rappresentante dell'associazione dei costruttori MSMA) si è riunita il 1° Ottobre nel quartier generale Dorna con Daniel Carrera e Gregorio Lavilla (Dorna WSBK Organisation) per deliberare delle nuove modifiche ai regolamenti dei tre campionati FIM Superbike, Supersport e FIM Superstock 1000 Cup. Tali modifiche - che sarebbero state approvate all'unanimità - hanno valenza per la prossima stagione e, soprattutto, per quella del 2015, che vedrà l'arrivo delle novità più 'corpose', ma andiamo con ordine.

Per quanto riguarda il 2014 - e questo vale sia per SBK che WSS - il periodo di divieto di test invernali varrà dal 1° Dicembre al 15 Gennaio, con le date del test ufficiale pre-Phillip Island (sede del round di apertura della stagione) che verrano comunicate in un secondo momento. Sono inoltre vietati i test durante l'anno per team e piloti iscritti, con l'eccezione di tre test 'ufficiali' che verrano organizzati nel lunedì successivo a tre gare del calendario. E' stato inoltre confermato che i piloti della Supersport avranno a disposizione solo 6 motori a stagione.

E arriviamo alle ben più succulenti novità per l'anno successivo, che in pratica si possono sintetizzare così: tutte le moto in gara dovranno essere EVO, la nuova sub-classe che debutterà in SBK nella prossima stagione. Questa nuova categoria, introdotta con il regolamento 2014, si propone di abbassare i costi introducendo un prezzo massimo per freni e sospensioni, due opzioni per l'elettronica (quella stock del modello di produzione o un kit ECU prodotto o approvato dalla casa costruttrice di prezzo comunque non superiore a quello originale) e prevede l'utilizzo di soli 6 motori all'anno.

Il comunicato della FIM comunque precisa che ulteriori affinamenti al regolamento della categoria EVO sono attualmente allo studio e verranno comunicati a fine 2013. Queste ulteriori modifiche - proseguendo nello spirito che ha generato il nuovo format - dovrebbero consentire a tutti i produttori che entrano nel campionato di essere subito ragionevolmente competitivi, offrendo inoltre un accesso più facile al Campionato del Mondo per piloti e squadre dei campionati nazionali, sia come wild-card che per diventare concorrenti permanenti.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: