Minacce di morte a Valentino Rossi, denunciato un operaio

Non abbiamo dubbi sul fatto che Valentino Rossi, oltre che essere uno dei piloti più forti della storia, è anche una celebrità, capace di dare emozioni a coloro che lo seguono, in pista come fuori, e sia in senso positivo che negativo. In certi casi, per alcuni individui poco stabili mentalmente, l'amore o l'odio per un personaggio pubblico può trasformarsi in vera e propria ossessione.

E' così che nascono i fenomeni di stalking, e l'ultima vittima è proprio il 9 volte campione del mondo. In questi giorni, un operaio di 42 anni di Casale Monferrato (AL), è stato denunciato in seguito ad un sopralluogo sulla sua abitazione e al ritrovamento di prove che confermerebbero le azioni dello stalker, e hanno indotto l'indagato a confessare la sua ossessione.

Sotto falso nome, nei giorni scorsi avrebbe contattato telefonicamente familiari e amici di Rossi, stampa e televisioni, minacciando di morte Valentino, e specificando che l'avrebbe ucciso durante il GP del Mugello. Le indagini che hanno ricondotto all'operaio, che sarà denunciato per minacce gravi, sono state seguite dalla Questura di Pesaro, con la Digos e la Polizia Postale.

Per quanto il Dottore possa stare simpatico o antipatico agli appassionati, e per quanto qualche volta abbia compiuto sorpassi ai limiti del regolamento o abbia avuto problemi con il fisco, rivolgergli minacce di morte ci pare un'azione un tantino esagerata. Conosciamo Vale, e siamo sicuri che non tarderà ad arrivare una dichiarazione ironica su questo autentico fuori di testa.

Sportmediaset

  • shares
  • Mail
56 commenti Aggiorna
Ordina: