WSBK: Max Biaggi al massimo, pronto ad azzannare la leadership

Superbike 2010 - Valencia - 1a parte

Max Biaggi, seconda forza del mondiale 2010 fino a questo punto e pronto a lottare prepotentemente per il titolo, ha rilasciato un'intervista al sito ufficiale WSBK, dove parla apertamente della sua stagione e del suo stato di forma. Ovviamente la domanda su un futuro da campione del mondo ci sta tutta, ma come vediamo aggira abilmente l'ostacolo di una dichiarazione magari troppo affrettata:

Quanto e' stata importante per il tuo morale la doppia vittoria di Portimao? "Pensavo fortemente che Biaggi-Aprilia in questo 2010 avrebbero potuto fare delle ottime gare e aver vinto a Portimao per ben 2 volte e' la riconferma che siamo al Top"

Anche a Valencia hai dimostrato di poter lottare con i migliori. Cos'e' mancato per centrare il primo gradino del podio? "Diciamo che siamo stati molto competitivi tutto il week end di gara. E' mancato un niente per vincere Gara 2 a Valencia, anche un po' di fortuna che non guasta mai... riconosco che sia Haslam che Checa sono andati molto forte"

Rispetto al 2009, il binomio Biaggi/Aprilia appare piu' forte e saldo. Cos'e' cambiato? Sei più determinato oppure e' cresciuta la moto? "Era solo il primo anno di corse per la nostra moto nel 2009 e c'e' stato bisogno di un po' di ‘rodaggio'. Ora abbiamo preparato al meglio il tutto e possiamo essere della partita in ogni situazione. Io sono motivatissimo e non mi risparmio di certo"

Superbike 2010 - Valencia - 1a parte
Superbike 2010 - Valencia - 1a parte

Scegli una tra queste parole: costanza, fortuna, moto, squadra, pilota. Cosa serve di piu' per vincere il mondiale? "Diciamo che per essere vincente non devi escludere nulla di tutto questo, e' un mix esplosivo!"

Chi e' il tuo diretto rivale per il 2010? "Mi sembra ora sia troppo presto per escludere i piloti che hanno possibilita' iridate e quando sono in pista per me sono tutti rivali senza differenza".

Sogniamo: a fine 2010 Max Biaggi e' il primo italiano a vincere il mondiale Superbike, su moto italiana e con sponsor italiano. Cosa fa nel 2011? Raggiunto l'obiettivo in una situazione ideale, saluta tutti e si ritira oppure prova a difendere il titolo correndo ancora un anno, stavolta con il numero 1 sulla carena? "I sogni non vanno mai raccontati e di conseguenza non posso risponderti altrimenti non si realizzerebbero mai. Sto gia' lavorando al futuro indipendentemente dal risultato che otterro' quest'anno".

A 16 anni dal tuo primo titolo mondiale sei ancora uno dei piloti piu' amati dai tifosi italiani e non. Ti sei chiesto il perche'? "Non so come rispondere. Chiedetelo ai fan, io faccio al meglio cio' che amo, ovvero correre le gare di moto in giro per il mondo"

  • shares
  • Mail
32 commenti Aggiorna
Ordina: