Incentivi moto e scooter: "il rischo è la crisi della filiera"

incentivi moto

Alcuni dati e considerazioni sugli incentivi moto e scooter fanno riflettere sul futuro della filiera e del mercato delle due ruote. In giorni in cui pare che il settore auto non riceverà alcun aiuto favorendo la rottamazione, Ancma - Confindustria chiede di sperarare gli incentivi per le 2 e le 4 ruote. Voi che ne pensate?

La campagna di incentivazione nel 2009 ha consentito in 10 mesi di demolire 263.000 veicoli obsoleti, riducendo in modo significativo le emissioni e aumentando il livello di sicurezza dei veicoli stessi. Tale processo non va interrotto - secondo Ancma - perché ci sono ancora 5.800.000 mezzi omologati EURO zero ed EURO 1, con alle spalle oltre 10 anni di vita, pari al 63% dell’intero parco. L’Italia ha infatti il parco circolante più vecchio tra principali Paesi europei.

Senza incentivi al mercato delle 2 ruote tutta la filiera rischia di entrare in una crisi profonda - dichiara Corrado Capelli presidente di Ancma. Non è corretto assimilare le 2 ruote alle 4, perché nelle nostre città un uso più intenso di scooter e moto risolverebbe i problemi di traffico e di inquinamento. Il rinnovo nel 2010 degli incentivi a favore delle 2 ruote porterebbe ad un abbattimento del traffico e delle emissioni inquinanti nelle aree metropolitane, che si tradurrebbe in un vantaggio per tutti i cittadini. Chiediamo con forza che il Governo ne tenga conto”.

Il sostegno al consumo non serve solo a salvaguardare i livelli occupazionali del settore – prosegue Capelli - ma permette di accelerare il ricambio con indubbi vantaggi per l’ambiente. Senza un rinnovo più mirato delle facilitazioni all’acquisto, secondo la proposta di Confindustria Ancma, che lega il contributo ad una percentuale sul prezzo di listino, in modo da valorizzare le tecnologie più innovative e con un target massimo di 70 kW per non penalizzare il comparto moto, i contraccolpi sul mercato saranno evidenti e ridurranno in modo notevole il gettito IVA”.

L’investimento previsto, sulla base dello schema di incentivi proposto da Confindustria Ancma, si aggira intorno ai 100 milioni di euro su base annua, recuperati per oltre il 50% attraverso il maggior introito IVA previsto. Diteci la vostra opinione, sono ancora necessari gli incentivi? Vanno svincolati da quelli dedicati alle auto? Ritenete anche voi che incentivare le due ruote sia un aiuto per le nostre città con meno traffico e meno inquinamento?

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: