Honda VFR1200F 2010: il motore

Motore VFR1200F

Ecco una piccola gallery che riguarda il cuore della nuova Road-Sport di mamma Honda, la VFR1200F, che porta un classico della casa giapponese come il motore V4, ad un nuovo step tecnologico e costruttivo. Un motore estremamente compatto che sprigiona valori di potenza, ma soprattutto di coppia, da riferimento.

L'angolo fra le bancate è di 76° e l'ingombro longitudinale di tutto il complesso gruppi termici-frizione-cambio è davvero limitato grazie a questa soluzione. Inoltre la più grande particolarità è la differente sezione dei due gruppi termici. Purtroppo non c'è una foto dall'alto che ci faccia apprezzare a dovere la bancata posteriore decisamente più stretta di quella anteriore, a tutto vantaggio dell'abitabilità, visto che i cilindri posteriori "puntano" al pilota.

Quest'ultima soluzione ha permesso - oltre che una cura maggiore all'abitabilità -di evitare l'installazione di un contralbero per le vibrazioni, a tutto vantaggio del risparmio in peso, masse in rotazione e di conseguenza perdite di potenza. Il risultato finale, ci indica 129Nm di coppia massima a 8 750 g/min, con il 90% della stessa già disponibile a 4000 g/min, numeri che farebbero impallidire anche i grossi bicilindrici.

Motore VFR1200F
Motore VFR1200F
Motore VFR1200F
Motore VFR1200F

Da apprezzare anche la cura nel design e nella sensazione di robustezza che trasmette. Dai motori giapponesi non ci saremo mai aspettati una così grande cura dei particolari, soprattutto in un motore che rimane completamente nascosto alla vista. La progettazione "Europe oriented" si vede soprattutto da questi particolari.

via | Motosblog

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: