Shane Byrne: "Io e Spies gli outsider in WSBK"

Shane Byrne Ducati Sterilgarda

2009 importantissimo dal punto di vista professionale per Shane Byrne. Dopo due titoli vinti nella BSB e le fugaci apparizioni come wild card in Superbike, il britannico ha finalmente l'opportunità di dimostrare tutto il suo talento disputando un'intera stagione nel mondiale delle derivate dalla serie.

Per lui è pronta una Ducati 1098 RS09 preparata dall'ottimo Team Sterilgarda di Marco Borciani: una moto ed uno staff tecnico di tutto rispetto. "Shakey" non ha deluso le aspettative nei primi test, facendo segnare tempi di tutto rispetto.

"A Portimao è andata bene ma la cosa più positiva è stata aver incontrato prima il team, a Vallelunga, ed è stato molto piacevole. Così quando è arrivato il momento di scendere in pista, mi sono sentito veramente come a casa. Si è creato subito un bel feeling e non vedo di tornare a lavorare con loro".

"A livello di ciclistica, rispetto alla Ducati che guidavo in BSB, non ho trovato differenze sostanziali. Il motore è molto più forte a tutti i giri, e addirittura ha qualcosa in più in alto."

Tanti i campioni in pista ma la new entry da temere per Byrne è... "Ben Spies. Ha un fantastico record nell'Ama SBK, avendo vinto tre titoli in fila. Oso dire che farà un fantastico lavoro. E' stato veloce nei test invernali e ha alle spalle un ottimo team".

via | WorldSBK.com

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: