Ben Spies: "Penso alla Superbike ma il mio futuro è in MotoGP"

Ben Spies Team Yamaha Motor ItaliaLa prima guida nel Team Ufficiale Yamaha Motor Italia sembra non bastare a chetare i pruriti di MotoGP di Ben Spies. Il centauro americano, tre volte vincitore dell'AMA Superbike, è pronto a dare il 100% per puntare in alto nel mondiale delle derivate e conquistare un posto nella classe regina prototipi con la casa di Iwata.

"Spero che la Yamaha pensi a me nel caso in cui uno tra James Toseland e Colin Edwards dovesse andar via dal Team Tech 3" - rivela il giovane Ben - "Comunque mi trovo molto bene nel mondiale Superbike. Sono convinto di avere a disposizione la squadra più forte e di poter lottare per il titolo".

Spies, per diversi anni sotto contratto con Suzuki, aveva tentato senza successo di strappare un accordo all'azienda di Hamamatsu. Il gran talento e lo "sponsor" Kevin Schwantz, non sono però bastati a convincere i vertici del colosso giapponese.

" E' vero, il mio sogno resta la MotoGP. Vorrei entrare in un team attrezzato per vincere ma non voglio correre troppo. La M1 a differenza della Desmosedici, ha dimostrato di essere una gran moto facile da guidare e che riesce ad adattarsi a stili di guida diversi. Basti pensare agli ottimi risultati ottenuti da Rossi, Lorenzo, Toseland ed Edwards. Perchè mai dovrei avere problemi io?"

via | Moto.caradisiac.com

  • shares
  • Mail
141 commenti Aggiorna
Ordina: