MotoGp 800, troppo pericolose!

Il volo di Lorenzo al Gp di Cina

La Motogp finisce ancora una volta sotto accusa per via della pericolosità dei suoi prototipi. Da qualche Gp sta risuonando l'allarme infortuni e cadute, una situazione imbarazzante che ha praticamente dimezzato la griglia di partenza, resa già misera dalla presenza di solo 18 moto schierate.

Se prima il problema principale erano le potenze esagerate, ora le difficoltà giungono dall'elettronica e dai pneumatici super-sperimentali. Il software di gestione del motore, utilizza la tecnologia GPS per poter controllare l'erogazione metro per metro e spesso ci sono delle interferenze che ne compromettono l'efficacia, causando cadute "inspiegabili".

Gli pneumatici hanno raggiunto livelli di tenuta e durata strabilianti, ma sono decisamente più imprevedibili; le velocità in piega sono da classe 250cc, ma il rischio di essere scagliati fuori traiettoria senza preavviso è molto più elevato.

Per questo il boss della DORNA, Carmelo Ezpeleta, ha deciso di sottoporre la questione di un cambio regolamentare alla MSMA( l'associazione dei costruttori) nel corsdo del Gp della Repubblica Ceca che si terrà il 17 agosto.

Non sono previsti per ora cambiamenti a campionato iniziato, ma è probabile che, dopo aver speso molto per adeguare i circuiti alle nuove norme di sicurezza, si dovrà intervenire anche sui prototipi in gara, affinché a dare spettacolo non siano gli incidenti bensì i sorpassi.

via | gazzetta.it

  • shares
  • Mail
99 commenti Aggiorna
Ordina: