Rossi Ducati: matrimonio al capolinea. I Ducatisti si spaccano...

Rossi in TV

Al si là delle dichiarazioni d'ufficio di Valentino Rossi (o sarebbe meglio dire della Ducati) in rete (Facebook e Twitter) non si fa che parlare dell'intervista che il pilota pesarese ha rilasciato a Paolo Beltramo durante Fuorigiri. Parole dure, durissime, rilasciate in modo chiaro e con sorriso sarcastico che non lascia dubbi. Come andiamo dicendo dallo scorso anno, il matrimonio tra il nove volte campione del mondo e la Rossa di Borgo Panigale è al capolinea. Inequivocabili le dichiarazioni di Rossi che non ha mai nominato il futuro con la Ducati e Filippo Preziosi. Queste i virgolettati più scottanti.

"Quando Barbera mi ha passato, ho pensato anche di tornare ai box e finire lì la gara, non l’ho fatto solo per rispetto ai miei meccanici, per raccogliere dati utili. Abbiamo dei grossi problemi dietro. Non riesco a guidare, vado più forte con le gomme usurate che con quelle nuove, e questo è strano. E' strano andare più forte con la gomma usata che con la gomma nuova. Almeno non rischio di cadere come lo scorso anno. Non riesco nemmeno a fare la differenza con Nicky, xè di solito io sono sempre andato un pochino più forte, e comunque dopo avere dato tutto ha preso 28 secondi da Stoner. Le speranze le abbiamo finite tutte."

E poi ancora: "Abbiamo sempre gli stessi problemi. La moto è inguidabile, cambia poco su quale pista ci si trovi, a Jerez non cambierà un granché, sul passo comunque siamo lontani. Andiamo anche peggio dello scorso anno, qui (in Qatar, ndr) l'anno scorso avevamo fatto settimi invece quest'anno anche peggio. Tendo ad essere sincero, quindi questo è quello che penso. Purtroppo (lo ribadisce, ndr) non riesco a guidare bene questa moto, anche rispetto ai miei compagni di marca."

All'unica domanda intelligente fatta da Nico Cereghini "provo io ad essere cattivo per quando mi è possibile (no comment, ndr). I tuoi detrattori ti dicono, ma come è la Ducati che volevi tu, l'hai fatta tu, hanno seguito la tua strada, com'è che ancora..." Rossi, dopo una risata sarcastica replica "Bhè no dai, questo non è proprio vero. Io ho dato delle indicazioni per come secondo me sono i problemi di questa moto, cercare di capire quali sono le aree dove dobbiamo fare meglio, solo che non siamo riusciti a risolverli. Io purtroppo non ce la faccio, a risolverli da solo, nel senso che non sono un ingegnere che riesco a sapere cosa devo modificare in una moto per risolvere un problema. Più o meno siamo con gli stessi problemi dell'anno scorso. C'è il vantaggio che con questa moto con telaio posso spingere un pochino di più senza cadere e per me che ci sono sopra è una cosa piuttosto positiva."

Ciliegina sulla torta i rumors sempre più insistenti sul presunto team privato Yamaha al quale Rossi starebbe lavorando...

Voi da che parte state, con Rossi o con la Ducati?

Vota l'articolo:
3.98 su 5.00 basato su 1108 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO