KTM Freeride-E 2012

Scritto da: -

KTM Freeride E

Con la prima moto a emissioni zero, l’azienda leader mondiale nel segmento dell’offroad presenta, insieme alla KTM 350 Freeride 2012, una moto sportiva a trazione elettrica, che dimostrerà come piacere di guida ed eco-sostenibilità non siano affatto due concetti contrapposti. Pietra miliare dello sviluppo è la chiara leadership di KTM nel motociclismo offroad, nonché l’intenzione di ampliare ulteriormente la colonna portante dell’azienda con un prodotto mai esistito prima con queste caratteristiche. Lo sviluppo rivoluzionario apre prospettive completamente nuove non solo a KTM: la concezione della Freeride E varrà, a lungo termine, la fine delle zone chiuse nonché una nuova accettazione dell’uso sportivo delle moto anche nell’ambiente urbano. La KTM Freeride trasporta dunque lo spirito sportivo del marchio nel 21° secolo.

Innumerevoli piloti di moto offroad di tutto il mondo combattono da lungo tempo con limitazioni sempre crescenti e le conseguenti difficoltà di praticare il loro sport preferito. Perfino l’uso su percorsi chiusi o in parchi creati appositamente per questo scopo suscita spesso malumori tra la popolazione. L’argomento decisivo contro l’uso di veicoli della concorrenza è generalmente il livello di rumore troppo elevato.

La risposta coerente e coraggiosa di KTM a questa sfida si chiama Freeride E. Si tratta di una moto rivoluzionaria che è una KTM al 100% sia dal punto di vista tecnologico e qualitativo che sportivo e che, contemporaneamente, impiega una tecnologia di trazione finora ritenuta difficilmente realizzabile su moto sportive. Questo veicolo unico al mondo quindi è estremamente leggero, sportivo e potente e, grazie alla trazione elettrica, assicura nel contempo una mobilità a emissioni zero e pressoché a rumore zero.

KTM Freeride EKTM Freeride EKTM Freeride EKTM Freeride E

Questa concezione rivoluzionaria è un possibile passo per riavvicinare lo sport offroad agli agglomerati urbani, nonché verso la realizzazione di nuovi parchi e occasione di guida in luoghi in cui tutto questo sembrava impensabile fino ad oggi. Idealmente, il luogo di utilizzo del mezzo sportivo e la propria casa crescono insieme più vicini. Inoltre si apre la possibilità di conquistare nuovi gruppi target al mondo affascinante dello sport offroad.

Stefan Pierer, presidente del consiglio di amministrazione di KTM Sportmotorcycle AG, spiega: “Con la Freeride E KTM compie un passo avanti fondamentale nel futuro delle due ruote. La mobilità a emissioni zero darà a breve un nuovo impulso soprattutto allo sport offroad, schiudendo prospettive completamente nuove; è per questo che siamo chiamati in causa sotto un duplice aspetto. Da una parte siamo “Ready to Race”, e vogliamo esserlo anche con le ultime tecnologie, dall’altra, come leader mondiale nello sport offroad, dobbiamo occuparci soprattutto del mantenimento e l’ulteriore sviluppo dei luoghi d’impiego!“.

Fedele alla filosofia sportiva dell’azienda, la moto Zero Emission di KTM incorpora la progettazione competitiva tipica del marchio. Come tutte le moto KTM, anche la Freeride E evidenzia le caratteristiche costruttive più moderne e monta componenti di alta qualità basati sulla decennale esperienza e sul continuo dominio dell’azienda nello sport offroad.

La tecnologia di trazione elettrica completamente nuova realizzata dal team di sviluppo KTM di Mattighofen impone nuovi standard di riferimento. La potenza sarà quindi paragonabile a quella di una moto a due tempi da 125 cm³ tradizionale. Anche le questioni finora aperte nella mobilità elettrica circa usura, resistenza all’umidità, durata di carica delle batterie, facilità d’uso e soprattutto sicurezza hanno ricevuto una risposta inequivocabile grazie al gruppo di trazione elettrico per cui KTM ha presentato domanda di brevetto mondiale.

Una batteria da 300 V, l’elettronica sviluppata da KTM e un motore sincrono brushless fino a 22 kW di potenza (per ora) made in Mattighofen costituiscono un pacchetto di trazione high-performance, che trasmette il massimo piacere di guida non solo sui tracciati stretti e ricchi di curve. Con i suoi 42 Nm tutti disponibili sin dai primi metri, come è normale per i motori elettrici, questa moto non deve temere nemmeno la concorrenza dei motori a combustione.

KTM Freeride EKTM Freeride EKTM Freeride EKTM Freeride E

L’accumulatore da 2,1 kWh, che assicura un’autonomia massima di 1 ora, fornisce un piacere di guida senza limiti. E per chi non ne ha ancora avuto abbastanza, grazie ad uno speciale sistema di cambio rapido è possibile sostituire la batteria con pochi semplici gesti, per ripartire in pochissimo tempo con il gas elettronico (e caricare completamente la batteria scarica entro 90 minuti). Considerando i campi d’impiego tipici di KTM, l’intero gruppo elettrico e di trazione è stato incapsulato senza badare a spese. Che sia il motore, l’elettronica o la batteria: tutti i componenti rilevanti per la trazione sono eseguiti al 100% stagni all’acqua e alla polvere. Anche i passaggi in fuoristrada più impegnativi e gli attraversamenti d’acqua non sono quindi un ostacolo per questa moto. In modo tipicamente “offroad”, è possibile pulirla senza problemi con un getto di vapore.

La nuova tecnologia di trazione va di pari passo con un nuovo modo di comandare e muovere la moto: la Freeride E è dunque molto facile da guidare. Il motivo è il motore elettrico dalla coppia potente, fornito con un unico rapporto, senza cambio e senza frizione. Sono soprattutto i principianti a trarre i maggiori vantaggi da questa semplificazione: basta montare in sella, accelerare e divertirsi! La mancanza della leva della frizione fa sì che sia possibile comandare sia il freno anteriore, che quello posteriore, dal manubrio, come sulla bicicletta. Come è consono ad una moto, il freno anteriore si aziona con la leva destra. Anche i piloti offroad esperti scopriranno presto come sia possibile migliorare velocemente il proprio stile di guida se ci si deve concentrare solamente sulla traiettoria ideale e le nuove “possibilità di gioco”.

In tutto questo, la Freeride E trae vantaggio dalla filosofia tipica di KTM per tutti i componenti incentrata sulla massima leggerezza. La ciclistica innovativa con una struttura composita in acciaio e alluminio, nonché l’uso di componenti per il telaio e accessori di grande qualità determinano un peso complessivo in ordine di marcia di appena 95 kg. A ciò si aggiunge una ciclistica nella migliore tradizione “Ready to Race”. Ruote ultraleggere da 21″ all’anteriore e 18″ al posteriore, sospensioni regolabili in compressione e smorzamento e un impianto frenante straordinario con pinze a quattro pistoncini all’anteriore e a due pistoncini al posteriore rendono la Freeride E una KTM a tutti gli effetti.

La Freeride E è la prima moto di serie che, analogamente ai veicoli elettrici delle case automobilistiche, con 300 V punta su una concezione ad alto voltaggio. E questo per un’ottima ragione: maggiore è le tensione scelta, minore è il flusso di corrente e quindi le dimensioni dei componenti sotto corrente. Ciò consente di montare componenti elettrici particolarmente compatti. Le perplessità per l’alta tensione sono infondate, perché sin dall’inizio gli ingegneri KTM non sono scesi a compromessi in materia di sicurezza. La sicurezza del veicolo nel suo complesso risulta così conforme alla norma ISO 26262 ed è stata scrupolosamente testata, e poi certificata, dal GTÜ, la società tedesca di sorveglianza tecnica.

KTM Freeride E

Vota l'articolo:
3.93 su 5.00 basato su 41 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su KTM Freeride-E 2012

    Posted by: alepeo

    Un mezzo veramente interessante… ho solo il timore che in Italia si inventeranno qualche gabola per non far circolare pure le elettriche in off-road Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su KTM Freeride-E 2012

    Posted by: IamOne

    Ci sono delle off-road elettriche migliori rispetto alla KTM Freeride E come ad esempio la Brammo Engage- (Excite) che altro non è che la Perugina S.M.R.E. che monta un motore elettrico a 6 marce IET : <a href='http://motoelettriche.wordpress.com/2011/05/06/accordo-fra-s-m-e-r-e-e-brammo-che-produrra-due-nuovi-modelli-con-il-pacchetto-i-e-t/' rel='nofollow'>http://motoelettriche.wordpress.com/2011/05/06/accordo-fra-s-m-e-r-e-e-brammo-che-produrra-due-nuovi-modelli-con-il-pacchetto-i-e-t/</a> Oppure è interessante la soluzione che ha sperimentato la lecchese EVOLT per la Sherco con una off-road a 2 marce con frizione idraulica e motore raffreddato a liquido di 35 cv: <a href='http://motoelettriche.wordpress.com/2011/11/13/sherco-ed-evolt-assieme-per-un-off-road-elettrica-a-2-marce/' rel='nofollow'>http://motoelettriche.wordpress.com/2011/11/13/sherco-ed-evolt-assieme-per-un-off-road-elettrica-a-2-marce/</a> Scritto il Date —