MotoGP, Doohan: "Se Stoner tornasse, sarebbe ancora veloce"

Il cinque volte Campione del Mondo della 500 torna a parlare dell'illustre connazionale: "Il punto è che dovrebbe impegnarsi nelle corse al 100%"

Test HRC - Case Stoner - Motegi, ottobre 2013

In alcune recenti dichiarazioni raccotte da MCN, la leggenda australiana Mick Doohan - cinque volte iridato della classe 500 negli anni '90 - è tornato a parlare del suo eminente compatriota Casey Stoner, due volte iridato in MotoGP, ritiratosi alla fine della stagione 2012 a soli 27 anni.

Nonostante le ripetute e numerose smentite da parte del diretto interessato, le voci su un eventuale ritorno di Stoner al motociclismo continuano periodicamente a saltar fuori con uguale frequenza, e ultimamente, dopo la sua decisione di abbandonare il campionato australiano Supercars V8 (al quale ha partecipato nel 2013), sembrano aver preso ancora una volta maggior consistenza.

Tempo fa Doohan aveva detto che più a lungo Stoner sceglierà di restare lontano dalle gare, più difficile sarebbe per lui tornare a correre, ma allo stesso tempo 'Big Mick' è convinto che il suo connazionale abbia ancora le carte in regola per ricatturare il suo antico splendore. L'anno scorso Stoner è stato impegnato in una serie di test per HRC, lavorando sullo sviluppo della RC213V 2014 e sulla 'production racer' RCV1000R, e secondo Doohan questo potrebbe essere importante per l'approccio mentale di Stoner:

"E' sempre difficile tornare [a correre] dopo essere stati lontano tanto tempo, ma [Stoner] ha fatto dei test ed è ancora molto veloce. La principale differenza con i ragazzi che stanno ancora correndo è che loro sono immersi al 100 % in questo sport, mentre Casey è andato a rilassarsi lontano da esso. Essere abbastanza veloce non sarebbe il problema, il punto è quello di essere impegnato nelle corse al 100%, giorno dopo giorno. E più si sta lontani, più è difficile tornarci. Gli altri 'Top Riders' lo vivono tutti i giorni, ma una volta che ci si ferma è difficile tornare immediatamente a quel livello come se niente fosse. Un solo anno di pausa non rappresenterebbe un grosso problema, e se [Stoner] continuerà a fare test potrebbe probabilmente tornare anche dopo due anni. Ma tutto dipende da quanto gli è piaciuto starsene sul divano."

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: